Categorie
0-999m Brentino relazioni rock climbing Spalti dell'Orsa val d'Adige via sportiva

Pirata Samu

Spalti di Capitel d’Orsa, 630m

Monte Cor, 1018m – Val d’Adige – Brentino Belluno (VR)

Situato allo sbocco nella Val di Ferrara del Rio Bissole, già conosciuto come Vajo dell’Orsa, il Capitel d’Orsa affaccia a Sud le sue alte pareti rocciose proprio in fronte al caratteristico santuario di Madonna della Corona abbarbicato sulla roccia.
L’ambiente selvaggio ed incontaminato, regala un’arrampicata emozionante tra angoli di grande suggestione e di inaspettato isolamento.

Gli Spalti del Capitel d’Orsa, un diadema di roccia isolato ed appartato, quasi nascosto.
Una sorta di piccolo Eden da voler conservare integro per l’eternità, incontaminato e tranquillo, eppure così vicino da sembrare un sogno. Racchiuso in sé stesso, discreto e riservato ma non per questo altèro.
E’ proprio per queste sue particolarità, più che per altre ragioni di carattere puramente arrampicatorie, che è entrato come un ariete nei miei pensieri.
Un terreno di avventura dove il contatto con la natura assume a volte aspetti intensi e appaganti.
Un po’ demodé se vogliamo, dallo stile più alpino che sportivo, lontano quel tanto che basta per non incorrere nel pericolo di vederlo assalito da orde di collezionisti di vie.
Una prospettiva questa che mi ha terrorizzato fin qui, momento in cui decido di diffondere questa piccola guida di arrampicate.
Mi sento in qualche modo responsabile di violare qualcosa di sacro e prezioso, ma allo stesso tempo ingiusto non poter far conoscere ed apprezzare a tutti questo angolo di paradiso.
Questa modestissima guida la voglio dedicare ai miei amici e a tutti coloro che avranno la sensibilità di apprezzare e rispettare un così incantevole luogo che mi ha saputo regalare momenti di vera felicità.
Nella speranza che possa piacere come è piaciuta a me,
Vi auguro delle serene salite.

Lodovico Gaspari, da: Vie in roccia agli Spalti dell Capitel d’Orsa, ed. 2004

Prima salita:

Stefano Giarola 14/02/2004 dall’alto


Accesso:

Da SUD:
Dall’uscita autostrada A22 di Affi (VR), seguite le indicazioni verso N per Brentino-Belluno V.se.
Oltrepassato di circa 200 mt il secondo bivio che sale all’abitato di Brentino, svoltare a sinistra per loc. Castel e continuare per stretta strada vicino a dove finisce l’asfalto, fino al 5°tornante (spazio per 2 sole auto)
Da NORD:
Dall’uscita autostrada A22 di Ala Avio (TN), seguite le indicazioni verso S per Brentino-Belluno V.se.
Circa 200 mt prima dell’abitato svoltare a DX per loc. Castel e continuare per stretta strada vicino a dove finisce l’asfalto, fino al 5°tornante (spazio per 2 sole auto)

Link a Parcheggio.


Avvicinamento:

Risalire la strada per un centinaio di metri fino a che sulla sinistra si stacca il sentiero CAI 74. Seguirlo per circa 20 minuti fino a che la parete diviene evidente ed in prossimità di un grosso ometto con una traccia flebile che si stacca a SX.
Traversare per tracce e seguire indicazioni (alcuni bolli rossi ed ometti) , dapprima sulla cengia superiore di una fascia rocciosa e poi passando un canalone erboso. Nei pressi di un traliccio Enel si segue in salita una grossa condotta metallica.
Dopo pochi minuti si stacca una traccia verso sinistra (targhetta S1) ed in breve si è agli attacchi delle vie.
Via Luce e Pirata Samu targhetta metallica 7 e bollo rosso con grosso bullone arrugginito.
Tot: 35/45 min


Schizzo via:


Descrizione tiri:

tiromdifficoltàprotezionidescrizione
L1206a+, 5b, II1ch + 3 fix + 2 cordoniPartenza boulderosa a superare un passo in placca strapiombante (6a+ od A0) poi subito le difficoltà calano e, giunti in tratto vegetato e friabile, si traversa decisamente a SX (anche se l’intuito porterebbe salire ancora su bella roccia arancione). S1 comoda in nicchia ma consiglio di concatenare col tiro dopo.
L220II, 5a, II1 fix + 2 cordoniTraversando ancora a SX per bosco sospeso si rinviano 2 cordoni e si supera una corta placchetta (1 fix) fino ad arrivare alla comoda cengia di sosta, sotto a dei fotogenici tetti. S2: 2 fix con catena
L3205b, 1 p.sso 6a6 fixSalire la placca a concrezioni con traverso verso DX. Dopo il secondo fix (allungare) salire decisamente e puntare allo strapiombino superiore. Sopra si traversa verso SX su terreno friabile (! Siamo giusto sopra alla S2) fino alla comoda sosta S3: 2 fix con catena
L430III, 6a5 fixCon andamento ascendente verso SX, prima su fogliame e poi si perviene ad una bella ma corta placca che si supera con arrampicata tecnica. S4: 2 fix con catena
L5306a+, 6a6 fixCon andamento ancora ascendente verso SX, prima su fogliame e poi si perviene ad una bella placca con strapiombino mediano di non facile lettura. S5: 2 fix con catena
L6306a+, 5b7 fixTraverso a DX ad aggirare un diedro di cui si scalerà la faccia DX su bella placca verticale con secco strapiombino mediano. Superato il quale una bella Dulfer permette si arrivare in sosta S6: 2 fix con catena.
L7256a+, 6b+, 6b8 fixSalire decisamente la bellissima placca a concrezioni aiutandosi con la lama di SX fino a doverla abbandonare per portarsi il piena placca strapiombante a vincere un bombè di roccia lavorata ma lichenosa (6b+). Sopra breve diedrino che adduce ad una tecnica placca fessurata (6b). Bellissimo tiro chiave. S7: 2 fix con catena
L8256a+, 5a, 5c7 fixIn traverso verso DX a rimontare strapiombini ben ammanigliati, fino a vincerne uno che deposita sulle belle rigole sommitali. Ultimo passo in diedro lisciato e poi S8: 2 fix con catena o qualche metro sopra su albero.
sviluppo200m  
gradazione6a, 6b, 6b+ (6a+ obbl.), S1+, II imp.

Difficoltà in libera:

Difficoltà obbligatoria:

Proteggibilità:

Impegno:

Esposizione:


Discesa:

Si sale di qualche metro cercando una targhetta S1 e poi inoltrandosi nel bosco su una flebile traccia che si segue verso E (DX faccia a monte), fino in prossimità della condotta metallica. Da qui:

  • scendere a fianco della condotta utilizzando sia le tracce di sentiero vicine che le scalette e mancorrenti (! proprietà privata, divieto uso senza DPI) fino al traliccio dell’alta tensione. Qui si riprendono le tracce di sentiero dell’andata e poi il sentiero CAI 74 fino al P. Circa 30 min
  • alzarsi parallelamente alla stessa e seguire traccia bolli rossi, fino ad intersecare il sentiero CAI 74 e poi tramite questo si ritorna al parcheggio in circa 30 min. Soluzione non provata.

Note:

  • l’ambiente isolato ed assolato e la relativa facilità di accesso non spiega la bassa frequentazione ed il conseguente stato di abbandono delle vie. Ogni ripetitore è invitato a ripulire un po’ la propria ombra.
  • per quanto detto sopra si sconsiglia la calata in doppia anche se ogni sosta è attrezzata allo scopo.
  • La spittatura è ottima a fix ø10 di bell’aspetto ma distanziata, unita al fatto che alcuni tiri partono sprotetti tra vegetazione ed i passi duri sono obbligati siccome su placca compatta, rendono l’obbligatorio vicino al grado in libera.
  • Colazione all’Opera Prima Caffè e Terzo tempo con tappa d’obbligo dalla Gigia, non ve ne pentirete !

Descrizione vie del settore:

grazie a Lodovico Gaspari


GPS:


Meteo:


Meteo Rivoli veronese


Altre vie nei dintorni:

Spalti dell'Orsa val d'Adige 44 44
Ritieni utile la relazione?

Dona per lo sviluppo del sito e permettermi di togliere la pubblicità.
Grazie.

1€5€10€


Gallery:

Categorie
0-999m Brentino Pale Basse relazioni rock climbing val d'Adige via sportiva

l’Aldilà può Attendere

Pale Basse

Monte Cimo – Val d’Adige – Brentino (VR)

Prima salita: Sergio Coltri in solitaria dal basso, 30/10/2017

 

Chi pratica alpinismo accetta per scelta i rischi che, ben si sa, esistono e possono essere sempre nascosti dietro l’angolo, ma per una paventata illusione si è portati a credere che nulla di grave possa succedere a se stessi, una incosciente bambinesca illusione di essere quasi invincibili.

Poi tutto ad un tratto bastano pochi secondi di terrore per resettare tutto e farti ritrovare con una realtà che non credevi esistesse, pochi secondi nei quali non hai il tempo di percepire per intero la situazione che stai vivendo, come che quello che vedono i tuoi occhi non sia collegato in diretta con il tuo cervello e quando arrivano le immagini è già tutto finito.

Questo è quanto è successo a me, in qualità di spettatore, ma sopratutto alla mia amata compagna di vita Giuliana, un incidente spaventoso e assurdo, un imprevedibile ed enorme masso in precarissimo bilico, solo sfiorato dal compagno, è precipitato sopra di lei tranciandole la corda e facendola precipitare nel vuoto.

Non era la sua ora, non era il destino della fine della sua vita,

un cespuglio l’ha accolta e trattenuta evitandogli un ulteriore salto mortale di oltre cento metri.

Questa via ho voluto con una parte di rabbia, ma anche di ringraziamento, aprirla per lei, perchè continuasse a legarci quel filo che si stava per rompere, perchè ero sicuro che la sua forza psicologica l’avrebbe portata un giorno a riprendere l’alpinismo e a ripetere con le sue mani questa via, un collegamento per continuare a vivere e vivere con ugual passione tutti i giorni che rimarranno …..

Sergio Coltri da “Arrampicare in VAL D’ADIGE – 56 VIE MODERNE”


Descrizione:

Altro piccolo capolavoro del Coltri che dopo diversi anni è andato a scoprire un nuovo angolo del Cimo con innumerevoli metri di roccia molto appetibili per gli arrampicatori. Qui in scala ridotta si ritrovano gli strapiombi giallo rossastri di Castel Presina, le gocce da stillicidio del Sass de Mesdì e le placche grigio compatte ipertecniche della Pala del Boral. L’esposizione e bellezza dei tiri non è sicuramente paragonabile alle Pale mediane ma ritengo almeno una spanna sopra a molte recenti realizzazioni in Valle, provare per credere. Qui poi il Coltri ci ha deliziato di una spittatura veramente plaisir che rende l’arrampicata adatta a spensierate giornate di mezza stagione con i nostri compagni di arrampicata.

La genesi purtroppo non è stata delle più felici, Giuliana per un soffio non ci ha lasciato qualche settimana prima dell’apertura, ma la motivazione e dedica che ne è scaturita direi è una delle più belle lettere d’amore che un uomo possa scrivere alla sua amata.

Onore a Sergio ed auguri a Giuliana anche se non ne ha bisogno siccome la ripetizione prima della nostra è stata appunto la sua a meno di un anno dal suo incidente.

Che emozione leggerla in sosta.


Accesso:

da SUD, uscita Affi tenere SP11 per Ferrara di Monte Baldo, dopo Rivoli Veronese al semaforo di Zuane voltare a DX su SP11 (Brentino Belluno 15km – Trento). Seguire la provinciale e passare Canale, Tessari, Preabocco e poco dopo si prendono sulla SX indicazioni per Brentino. Si sale su un ponticello e poi sempre sulla strada si P appena dopo il cimitero sulla DX (MAPS link).

Tornare in direzione cimitero (S-W) e dopo la fontana prendere una carrareccia a fianco dei filari sul vigneto (occhio allevamento di api “territoriali” 🙂 ) oppure per strada asfaltata ci si porta all’inizio del vigneto dove si intravede chiaramente una traccia di sentiero.

Si sale su sassaia verso W. Dopo 15/20 min dal P si giunge al bivio, salendo dritto si prosegue per le Pale Mediane (Sass de Mesdì e Pala del Boral), noi andiamo a sx alle Pale Basse – Mamma Olga dove tramite un esile sentiero in traverso si adduce alle pale Basse. Tralasciare sulla dx il settore Mamma Olga e tramite evidente traccia portarsi verso “L’Aldilà può attendere”

Targhetta con scritta alla base. 30min tot


Relazione:

Difficoltà: 6b+ (6a+ obbl.)
Proteggibilità: S1
Impegno: II
Sviluppo: 150 m + 30m raccordo
Tiri: 6+1
Attrezzatura: NDA,  14 rinvii
Esposizione: E
Tipo di roccia: calcare
Periodo consigliato: primavera ed autunno
Tempo salita: circa 3.5 h
Bellezza: ****
Apritori: Sergio Coltri solo, 2018
Riferimenti bibliografici: Arrampicare in Val d’Adige – Monte Cimo
Tra il lago e il fiume, 2007 | Coltri S., Vidali B.,
Monte Baldo Rock | Cristiano Pastorello, Eugenio Cipriani – Vers SUD 2014Arrampicare in VAL D’ADIGE – 56 VIE MODERNE (DAL 3c ALL’ 8c) | Coltri S.,  Steccanella G. |
Cartografia: Kompass, foglio 102, Lago di Garda – Monte Baldo, scala 1:50.000

Descrizione tiri:

L1 = 6a, 4c | 25m | Placca per scaldarsi e poi qualche strapiombino atletico, arrivati in cengia traversare per 10m a sx su facile terreno.

L2 = 6b, 6a+| 25m | Appena a sx su compatta placca strapiombante, si superano alcune cenge rosse con rigonfiamenti atletici e continui. Tiro sostenuto nel grado. Sosta da usarsi poi per doppia.

L3 = 6a+| 25m |  A dx per fessura e poi piccolo strapiombo che si apre a diedro in placca. Superato questo con bei movimenti si giunge sotto a due fasce di strapiombi che si superano in traverso a sx con una sequenza non banale. Sosta appesi su pianta. Sosta da usarsi poi per doppia.

L4 = I | 30m |  Bosco per corda fissa. Attenzione ai numerosi detriti che finiranno sulle cordate sotto se smossi.

L5 = 5b | 20m | Partenza su placca sporca, poi facilmente traverso a sx fino alla sosta alla base del chiave. Sosta da usarsi poi per doppia.

L6 = 6b, 6b+, 6a | 30m | Placca ipertecnica prima leggermente appoggiata, poi verticale. Movimenti obbligati, senza fidarsi ciecamente dei piedi non si sale. Il chiave si supera con astuzia ed una sequenza apparentemente illogica. Il tiro vale la via. Capolavoro. Sosta da usarsi poi per doppia.

L7 = 5b | 25m | A dx e poi su per facile placche intervallate da cenge e fessure. Due ghiri trovati nelle fenditure. Non disturbare. Sosta da usarsi poi per doppia.

 

6b+ (6a+ obblig.), 7L, 150+30m, II, S1


Schizzo via:

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [283.24 KB]


Discesa:

  • Tramite 5 doppie ( con 2 mezze corde si possono unire D1 con D2 e D4 con D5), occhio agli incastri ed a D4 su albero (sosta S3) soggetta a caduta pietre.
  • Risalire per bosco non tracciato fino ad incontrare il sentiero di accesso alle Pale Mediane / Sass de Mesdì. Una volta incrociato tenere la DX (N) fino al raccordo con il sentiero che abbassandosi riporta al bivio iniziale (soluzione non provata e riservata solo ai conoscitori della zona)

GPS:


Visualizza mappa ingrandita

Link a Bing bird’s eye


Compagni:

Claudio Bassoli


Note:

  • Come tutte le vie di Brentino e del Coltri occorre prendere i gradi con le pinze, però a differenza delle storiche qui la spittatura è molto più plaisir. Occorre avere chiaro e saldo l’obbligatorio, se si passa qua poi altrove sarà più facile.
  • Terzo tempo con tappa d’obbligo dalla Gigia, non ve ne pentirete !
  • per cordate veloci il Sass de Mesdì è proprio sopra !

Bibliografia:


Altre vie nei dintorni:

Pale Basse 5

5

val d'Adige 44

44


Ritieni utile la mia relazione ?

Donazione 1€ per lo sviluppo del sito.


Gallery:

Click here

Categorie
0-999m Brentino relazioni rock climbing Spalti dell'Orsa val d'Adige via sportiva

via Del Luce

Spalti di Capitel d’Orsa, 630m

Monte Cor, 1018m – Val d’Adige – Brentino (VR)

Prima salita:

Luca Bonizzato, Lodovico Gaspari, 15/02/1997


Situato allo sbocco nella Val di Ferrara del Rio Bissole, già conosciuto come Vajo dell’Orsa, il Capitel d’Orsa affaccia a Sud le sue alte pareti rocciose proprio in fronte al caratteristico santuario di Madonna della Corona abbarbicato sulla roccia.
L’ambiente selvaggio ed incontaminato, regala un’arrampicata emozionante tra angoli di grande suggestione e di inaspettato isolamento.

Gli Spalti del Capitel d’Orsa, un diadema di roccia isolato ed appartato, quasi nascosto.
Una sorta di piccolo Eden da voler conservare integro per l’eternità, incontaminato e tranquillo, eppure così vicino da sembrare un sogno. Racchiuso in sé stesso, discreto e riservato ma non per questo altèro.
E’ proprio per queste sue particolarità, più che per altre ragioni di carattere puramente arrampicatorie, che è entrato come un ariete nei miei pensieri.
Un terreno di avventura dove il contatto con la natura assume a volte aspetti intensi e appaganti.
Un po’ demodé se vogliamo, dallo stile più alpino che sportivo, lontano quel tanto che basta per non incorrere nel pericolo di vederlo assalito da orde di collezionisti di vie.
Una prospettiva questa che mi ha terrorizzato fin qui, momento in cui decido di diffondere questa piccola guida di arrampicate.
Mi sento in qualche modo responsabile di violare qualcosa di sacro e prezioso, ma allo stesso tempo ingiusto non poter far conoscere ed apprezzare a tutti questo angolo di paradiso.
Questa modestissima guida la voglio dedicare ai miei amici e a tutti coloro che avranno la sensibilità di apprezzare e rispettare un così incantevole luogo che mi ha saputo regalare momenti di vera felicità.
Nella speranza che possa piacere come è piaciuta a me,
Vi auguro delle serene salite.

Lodovico Gaspari, da: Vie in roccia agli Spalti dell Capitel d’Orsa, ed. 2004

Accesso:

Da SUD:
Dall’uscita autostrada A22 di Affi (VR), seguite le indicazioni verso N per Brentino-Belluno V.se.
Oltrepassato di circa 200 mt il secondo bivio che sale all’abitato di Brentino, svoltare a sinistra per loc. Castel e continuare per stretta strada vicino a dove finisce l’asfalto, fino al 5°tornante (spazio per 2 sole auto)
Da NORD:
Dall’uscita autostrada A22 di Ala Avio (TN), seguite le indicazioni verso S per Brentino-Belluno V.se.
Circa 200 mt prima dell’abitato svoltare a DX per loc. Castel e continuare per stretta strada vicino a dove finisce l’asfalto, fino al 5°tornante (spazio per 2 sole auto)

Link a Parcheggio.


Da SUD:
Dall’uscita autostrada A22 di Affi (VR), seguite le indicazioni verso N per Brentino-Belluno V.se.
Oltrepassato di circa 200 mt il secondo bivio che sale all’abitato di Brentino, svoltare a sinistra per loc. Castel e continuare per stretta strada fino dove finisce l’asfalto fino al 5°tornante (spazio per 2 sole auto)
Da NORD:
Dall’uscita autostrada A22 di Ala Avio (TN), seguite le indicazioni verso S per Brentino-Belluno V.se.
Circa 200 mt prima dell’abitato svoltare a DX per loc. Castel e continuare per stretta strada fino dove finisce l’asfalto fino al 5°tornante (spazio per 2 sole auto)

Link a Parcheggio.


Avvicinamento:

Risalire la strada per un centinaio di metri fino a che sulla sinistra si stacca il sentiero CAI 74. Seguirlo per circa 20 minuti fino a che la parete diviene evidente ed in prossimità di un grosso ometto con una traccia flebile che si stacca a SX.
Traversare per tracce e seguire indicazioni (alcuni bolli rossi ed ometti) fino presso un traliccio Enel da cui si segue in salita una grossa condotta metallica.
Dopo pochi minuti si stacca una traccia verso sinistra (targhetta S1) ed in breve si è agli attacchi delle vie.
Via Luce e Pirata Samu targhetta metallica 7 e bollo rosso con grosso bullone arrugginito.
Tot: 35/45 min


Schizzo via:


Descrizione tiri:

tiromdifficoltàprotezionidescrizione
L1206a+, 5b, II1ch + 3 fix + 2 cordoniPartenza boulderosa a superare un passo in placca strapiombante (6a+ od A0) poi subito le difficoltà calano e, giunti in tratto vegetato e friabile, si traversa decisamente a SX (anche se l’intuito porterebbe salire ancora su bella roccia arancione).
S1 comoda in nicchia ma consiglio di concatenare col tiro dopo.
L220II, 5a, II1 fix + 2 cordoniTraversando ancora a SX per bosco sospeso si rinviano 2 cordoni e si supera una corta placchetta (1 fix) fino ad arrivare alla comoda cengia di sosta, sotto a dei fotogenici tetti. S2: 2 fix con catena
L3205c3 fixSalire la placca a concrezioni fino a una fessura, da sale in diagonale verso DX. Dopo il secondo fix (si stacca la via Pirata Samu) traversare decisamente a dx per placca a gocce (passo delicato in discesa) fino alla comoda sosta alla base di un muretto verticale.
S3: 2 fix con catena
L4306a+, 6a5 fix + 1 cordoneSalire il muretto verticale con arrampicata delicata fino all’inizio della bella e lunga lama verticale (1 fix con cordone penzolante all’inizio), che si sale con arrampicata tecnica ed elegante (altri 2 fix lungo la lama), fino a un ripiani terrazzino alberato. Da qui a sx fino alla base di un muretto verticale che si sale sfruttando fessurine e lamette fino alla sosta su comodo terrazzino.
S4: pianta
L5456a+6 fix + 2 ch. + 1 cordoneDalla sosta spostarsi a sx e prendere la bella fessura che si sale alla Dülfer fino a un piccolo strampionbo (3 fix fino a qui) che si risolve uscendo a sx su ottimi appigli. Da qui per placca discontinua fino a un diedrino non intuitivo (2 ch. alla base, 6a+), da cui si esce a sx. Poi si prosegue in verticale per placche e fessurine fino al terrazzino di sosta.
S5: fix + clessidra
L6306a+, 5b5 fix + 1 sosta intemediaDalla sosta dritti per placca a maniglie, si supera un’altra sosta e si prosegue per placca a fessurina (movimento “lungo” e non intuitivo a metà) fino a un terrazzino da cui si entra in un diedro sulla dx. Non salire tutto il diedro, ma all’altezza del fix sulla faccia sx, rimontare con movimento di equilibrio e legg. strapiombante lo spigolo a sx del diedro. Proseguire poi per placca appena a sx del filo dello spigolo fino alla sosta.
S6: 2 fix (scatola del libro di via vuota e senza coperchio)
L7306a, 5c6 fixDritti per placca fino al primo fix, poi traverso a sx fino alla base di un diedro (passi delicati alla fine del traverso e l’ingresso nel diedro). Al suo termine uscirne a SX dove si trovano alcuni massi un po’ instabili. Dopo alcuni metri di traverso a SX si affronta l’ultima tecnica parte del tiro, prima diedrino accennato con passo strapoombante e poi placca ben ammanigliata. E’ presente una sosta su due fix oppure è possibile uscire sul terrazzino sommitale e allestire una sosta su pianta o su spuntone.
sviluppo195m  
gradazione6a, 6a+ (6a obbl.), S1+, II imp.

relazione a cura di Giorgio Scagliarini ed Anna Tusini da una ripetizione del 22/02/2020


Discesa:

Si sale di qualche metro cercando una targhetta S1 e poi inoltrandosi nel bosco su una flebile traccia che si segue verso E (DX faccia a monte), fino in prossimità della condotta metallica. Da qui:

  • scendere a fianco della condotta utilizzando sia le tracce di sentiero vicine che le scalette e mancorrenti (! proprietà privata, divieto uso senza DPI) fino al traliccio dell’alta tensione. Qui si riprendono le tracce di sentiero dell’andata e poi il sentiero CAI 74 fino al P. Circa 30 min
  • alzarsi parallelamente alla stessa e seguire traccia bolli rossi, fino ad intersecare il sentiero CAI 74 e poi tramite questo si ritorna al parcheggio in circa 30 min. Soluzione non provata.


Note:

  • l’ambiente isolato ed assolato e la relativa facilità di accesso non spiega la bassa frequentazione ed il conseguente stato di abbandono delle vie. Ogni ripetitore è invitato a ripulire un po’ la propria ombra.
  • per quanto detto sopra si sconsiglia la calata in doppia anche se ogni sosta è attrezzata allo scopo.
  • La spittatura è ottima a fix ø10 di bell’aspetto ma distanziata, unita al fatto che alcuni tiri partono sprotetti tra vegetazione ed i passi duri sono obbligati siccome su placca compatta, rendono l’obbligatorio vicino al grado in libera.
  • Colazione all’Opera Prima Caffè e Terzo tempo con tappa d’obbligo dalla Gigia, non ve ne pentirete !

Descrizione vie del settore:

Loader Loading…
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [1.74 MB]

grazie a Lodovico Gaspari


GPS:


Altre vie nei dintorni:

Spalti dell'Orsa val d'Adige 44 44
Ritieni utile la relazione?

Dona per lo sviluppo del sito e permettermi di togliere la pubblicità.
Grazie.

1€5€10€


Gallery: