Categorie
2000m Alpi Orientali Piccole Dolomiti relazioni rock climbing via arrampicata ambiente

Concatenamento sud/ovest del Cornetto

Panoramico concatenamento alpinistico che dai prati Bolfetal porta direttamente in vetta al monte Cornetto (1899 m).

Sviluppo di circa 700m di sola arrampicata + 2 calate da 40m ciascuna + 2 raccordi a piedi.
Le difficoltà vanno dal III al V+/VI con un passo di VI+.
Lungo i tiri sono presenti chiodi e clessidre attrezzate ma alcuni tratti sono da proteggere (portare una serie di friends dalla misura #0.3 alla #2).
Tutte le soste sono attrezzate.


Vie da concatenare sono in successione:

– via Placca delle Lumache
– via Pilastro Stenghel
– via Stefani-Bertolotti
– via degli Ometti

Accesso da Sud:

Dal Rifugio Campogrosso (1443m) seguire il comodo sentiero 170 E5 dapprima attraverso un bosco di faggi e poi per prati aperti in direzione di Malga Bovental.
Nei pressi di enormi massi erranti il sentiero entra nuovamente nel bosco e inizia a prendere quota verso la forcelletta N/O. L’attacco è praticamente quasi sul sentiero,
alla base della prima evidente placconata rocciosa che si incontra sulla dx (visibili clessidre con cordini).

Tot: 30/40 minuti

Accesso da Nord:

Giungere a Pian delle Fugazze (1162m) e lasciare l’auto nei pressi del ristoro “Mangia e Bevi”. Da qui prendere la Strada delle Sette Fontane e poco dopo il sentiero 173 che
porta a malga Bovental. Oltrepassarla portandosi nei pressi di enormi massi erranti dove il sentiero 170 entra nel bosco e inizia a prendere quota verso la forcelletta N/O.
L’attacco è praticamente quasi sul sentiero, alla base della prima evidente placconata rocciosa che si incontra sulla dx (visibili clessidre con cordini)

Tot: 35/45 minuti

Schizzo generale:

Ti potrebbero anche interessare:

Categorie
1000m Piccole Dolomiti relazioni rock climbing via arrampicata ambiente

Stefani Bertolotti

Torre Luca Franceschini 1730m

Monte Cornetto – Sengio Alto (TN)

E’ metà marzo e sono a pestare neve e qualche primula avvicinandomi alla torre Bovental che già al sole ci invita ad essere salita. Sono insieme a Marco, Alice ed Andrea ma son rimasto indietro cercando qualche scorciatoia dal sentiero, che come sempre si manifesta come la scelta sbagliata.
Siamo soli, anzi no.
Davanti a noi due alpinisti salgono veloci ed io mi stupisco di come questa via sia già presa dall’assalto a marzo, quando al Campogrosso ci avevano detto eravamo i primi arrampicatori a transitare da loro.
Ben presto però vedo cambiano itinerario, non ci presto caso e mi spiego saliranno magari la Soldà al Cornetto.
Poco dopo in sosta sento il mio nome ma la voce non mi pare dei miei compagni, mi guardo attorno ma vedendo nulla penso ad un riverbero.
Scendiamo soddisfatti e sereni al Campogrosso e mentre divido il materiale intravedo due ceffi scuri che si avvicinano un po’ piegati al rifugio.
Uno mi pare di conoscerlo, l’altro no, anzi pure l’altro mi ricorda qualcosa.
Abbozzo un nome … è lui.
Le facce sono sporche e strinate, gli occhi gonfi e le mani la sommatoria di ciò che è scritto sopra.
Sono brasati ma contenti.
Qui han fatto qualcosa di bello e tosto, oggi c’è aria di alpinismo a Campogrosso e la poca gente ci permette di respirarne di più, di aria.
Si siedono con noi, parliamo, ci raccontiamo ed in breve il tavolo si riempie di soppressa, formaggio e sei immancabili birre.
Noi abbiamo fatto nulla e siamo stanchi, chissà loro!
Ed invece qualche forza la tiriamo fuori tutti.
Si ride, si scherza, si sogna, si fanno promesse che non verranno forse mai mantenute, ma poco importa.
C’è voglia di stare insieme e condividere un frangente di vita, senza che questo divenga “reale” solo perchè qualcuno ne ha fatto un selfie.
Ed in effetti una volta a casa mi accorgo ho più di cento foto di via e nessuna di quei momenti.
Che belli i momenti che si ricordano solo, senza le briglie degli occhi.

16 marzo 2019 durante la nostra ripetizione del Bellavista a fianco si chiudeva questo itinerario per merito di Matthias e Matteo.

Apritori:

Matthias Stefani e Matteo Bertolotti ( 16 marzo 2019 dopo 2 tentativi invernali)


Accesso :

da SUD:

Dal Rifugio Campogrosso (link) 1443m seguire il comodo sentiero 170 E5 verso la “Forcelletta N/O” e “Passo degli Onari”, dapprima attraverso un bosco di faggi e poi per prati. Prima della Malga Bovental 1435m (chiamata anche Boffetàl) si prende il 170 in direzione N verso il Passo degli Onari. Da qui sono facilmente riconoscibili la Torre Bovental, il Monte Cornetto e, alla sua base, la Torre Luca Franceschini.

da NORD:

Giungere a Pian delle Fugazze (link) 1162m e P, prendere la “strada delle Sette Fontane” e poi il comodo 173 verso malga Boffetal. Oltrepassata si prende a sx il 170 in direzione N verso il Passo degli Onari. Da qui sono facilmente riconoscibili la Torre Bovental, il Monte Cornetto e, alla sua base, la Torre Luca Franceschini.


Attacco:

Attraversare i prati e continuare lungo il sentiero entrando nel bosco fino a quando, proprio in mezzo al sentiero, si nota una evidente radice.
Poco oltre, sulla sinistra, si trova un faggio con due segnavia CAI molto vicini. Pochissimi metri dopo, sulla destra, si stacca la traccia che conduce alla base della parete (continuando si raggiunge il bivio – ometto – per lo Spigolo Bellavista alla Torre Bovental o la Placca delle Lumache).

Salire zigzagando (numerosi ometti) e guadagnare una zona con dei grossi massi oltre la quale, attraverso un corridoio tra mughi, si perviene al ghiaione basale.

Portarsi verso sinistra alla base dell’evidente diedro/camino dove si trova l’attacco (visibile chiodo rosso in alto)


Relazione:

Zona MontuosaPiccole Dolomiti
Sottogruppomonte Cornetto
Settore / Parete / CimaTorre Luca Franceschini
Località di PartenzaRifugio Campogrosso, 1460m (VI) o Pian delle Fugazze, 1163m (TN)
Sentieri170 e 176
Punti d’appoggioRifugio Campogrosso, 1460m (VI) o Pian delle Fugazze, 1163m (TN)
Acquarif. Campogrosso
Dislivello avvicinamento da Campogrosso [m]+ 250 m
Dislivello avvicinamento da Pian Fugazze [m]+ 450 m
Dislivello itinerario [m]120 m circa
Sviluppo itinerario [m]165 m
Quota partenza [m]1.600
Quota arrivo [m]1.730
Cartografia utilizzataCartina TABACCO 056 PASUBIO Piccole Dolomiti Campogrosso Sengio Alto
Tipologia itinerariovia classica in ambiente su dolomia
Difficoltà su rocciadal III al VI con 1 passo di VI+ (VI obbl)
Qualità rocciaDa buona ad ottima, solo qualche tratto friabile
ProteggibilitàR3
Sostechiodi e mughi
ImpegnoII
Numero di tiri di corda6
Difficoltà globaleTD+
Pericoliprestare attenzione ad alcuni tratti instabili nel quarto tiro
MaterialeNdA, 8 rinvii, serie friends e nuts. Martello e chiodi per ogni evenienza
Esposizione prevalenteSW
Data gitasabato 29 giugno 2019
Tempo impiegato salita3,5 h
Tempo impiegato discesa30 min
Libro di vettaSi.
Giudizio8,5
ConsigliataSi. Una delle più belle che abbia salito in Piccole e non solo.
Link utiliSassBaloss

Tracciato via:


Schizzo via:

Su gentile concessione di Matthias Stefani


Descrizione:

tiromdifficoltàdescrizione
L125V (1 p.sso V+)Parte subito su placchetta verticale a dx(1ch) che presto diviene sinuoso “camino del verme”. Singolo passo strapiombante (1ch poco visibile all’esterno del bordo sx del camino) e poi dentro alle viscere della montagna per divenire un “verme” (si passa solo senza zaino). Dopo diversi minuti di catartica perdita di dignità, si perviene più facilmente ad un comodo pulpito con 3 CH di sosta.
L220V+,VI+, VI, VAlzarsi subito con decisione a prendere l’invitante fessura di sx che serpeggia dritta e netta (1 CH all’inizio). Proteggersi poi esclusivamente con ottimi friends o nuts vincendo un breve passo tecnico (VI+) che richiede sensibilità di piede. Più semplicemente ora fino alla fine del diedrino e poi munirsi di decisione e sangue freddo per affrontare un breve traverso a dx (1 CH) su verticale muro con piccole tacchette (V+). Presa l’altra fessura parallela (1 CH) si sale più facilmente fino alla comodissima sosta a 3 CH in una nicchia. Tiro magnifico, uno dei più belli delle Piccole e non solo.
L335VI-(A0), IV+, V+,IIScendere brevemente a dx una gobbosità (1 CH) e poi su terreno all’apparenza friabile traversare orizzontalmente proteggendosi con ottimi friend ed 1 CH prima di una placca compatta. Superare la placca nera che con splendida arrampicata ma sprotetta (R3) si lascia vincere (V/V+). Dopo per terreno facile ma esposto (3 CH) si perviene alla comoda ed estetica sosta su mugo.
L425II, IV-Traversare a dx su terreno elementare (ometto) ma instabile fino a rimontare un grosso masso precario, salire una rampa ascendente verso dx su buona roccia (1 CH) fino a pervenire in un comodo ballatoio con a fianco la sosta su 2 CH alla base di un diedro-camino.
L530IV, 1 P. IV+,IIISalire direttamente il bel camino di ottima roccia fino ad un mugo con cordone, poi un singolo passo strapiombante (IV+) permette di uscire dal camino. Continuare per uno spigoletto verso dx (puntare al chiodo in alto a dx) e superare un ultimo breve risalto raggiungendo la sosta a sx (1ch+1cl) alla base delle placchette finali
L630III, 1p. IVRimontare la sosta con passo un po ostico ma ben ammanigliato e continuare per placche appoggiate su splendida dolomia bianca e lavorata, per percorso non obbligato si cercano due clessidre con cordone fino alla spianata sommitale dove su mugo si recupera il compagno. Libro di via
sviluppo170m 
gradazione VI+, VI, V
(VI obbl.)
TD+, R2/R3, II

Compagni:

Mephisto


Discesa:

  • Dalla cima della “Torre Franceschini” portarsi sul versante N e scendere 3m per trovare un mugo attrezzato per una doppia da 40m. Lanciarla stando attenti ai mughi ed alla direttiva di discesa che deve portare nei pressi della sella del sentiero.
    Da lì a ritroso per il sentiero di avvicinamento.
    30/45 min circa.

Cartina:


GPS:


Visualizza mappa ingrandita


Note:

  • Superbo itinerario dalla logica esemplare, intelligenza alpinistica e roccia che sa regalare ad ogni tiro qualcosa di diverso ed unico.
  • Per cordate agguerrite raggiungere l’attacco tramite la concatenazione prima della Placca delle Lumache e del Pilastro Stenghel così da ricavarne 13 tiri dallo stile di arrampicata molto eterogenei.
  • Se ancora non si è sazi concatenare dopo la Via degli Ometti compiendo la “Concatenamento sud/ovest del Cornetto”, che con i suoi 700m di arrampicata effettiva e difficoltà media di IV/V con passi fino al VI+ porta direttamente in vetta al Cornetto con una arrampicata di sicuro impegno e soddisfazione!

Ritieni utile la relazione?

Dona per lo sviluppo del sito e permettermi di togliere la pubblicità.
Grazie.

1€5€10€


Ti potrebbero anche interessare:


Gallery:

Categorie
Ala Avio climbing Racconti di Montagna relazioni Sport Climbing val d'Adige

Spirito Baldense

settore “Spalti di Pratovecchio”, Tof Malignos 1320m

Valle dei Molini nel Monte Baldo

Avio  (TN) – Italy

Un aspetto sicuramente unico e positivo dell’andar per monti è rappresentato dall’incontro casuale e fortuito con persone diverse, spesso pure molto.

La curiosità è intrinseca nell’uomo e gli alpinisti solitamente ne hanno una innata per la natura, visceralmente forte tanto che li porta a sentirsi in disagio più quando si è in mezzo alla folla piuttosto che nella solitudine di una parete.

Dicendola tutta: spesse volte si scappa letteralmente dalla città e dagli altri per rinchiudersi in qualche angoletto poco antropizzato e godendo le poche ore di questa solitudine in un clima di intimità con gli altri componenti della cordata.

Il processo è effimero tanto quanto la sua durata. Sono ben pochi quelli che resisterebbero in completo isolamento, anche se non soli. Io sono uno di quelli che non ce la farebbe. Avrei bisogno di un contatto umano, di percepire altra vita intorno.

Sono grato all’alpinismo anche per questo. Mette a nudo, presto e bene i limiti.

Gli sono grato perché mi ha regalato alcuni piacevoli incontri, alcuni dei quali mi hanno germinato dentro, mentre altri solo permesso di conoscere qualcosa di “diverso”, di cui non paventavo l’esistenza prima.

Questo è stato uno di questi incontri. Ritentare la ripetizione di una “vietta sportiva” dopo giusto un anno e trovarsi a non pensare più al grado, all’ingaggio, alla qualità della roccia ma solo al piacere della cordata e piacere degli incontri che questa ha avuto, anche solo appena usciti dalla principale strada asfaltata.

La Contrada Piagù ci si presenta così, due minute facce strinate dal sole che si infilano tra i legni di una staccionata ancora traballante per il colpo d’ariete subito dalla ruota delle loro due piccole biciclette. Subito dopo esce un adulto ma non per rimproverarci della visita troppo mattutina o dello sconfino di proprietà, ma solo per indicarci il percorso migliore per quello che neppure lui sapeva essere una “via di arrampicata”.

Ci stringe la mano, si ferma di lavorare, si intuisce che per loro è importante e metodico quel lavoro del sabato ma accogliere qualcuno lo è di più.

Promesse di una tazza di caffè offerta a pranzo, ma non conosce la nostra lentezza.

Si torna per merenda, ad inizio marzo non manca molto al tramonto e mentre ci aprono le porte del loro soggiorno per farci accomodare alla loro tavola, la stanza si riempie di visi sorridenti, grosse mani segnate dalla giornata e piccoli occhi vispi che arrivano a malapena al bancone di legno ma che brancano sicuri alcuni brandelli di formaggio scampati a quello che ci hanno appena offerto. Ora alcuni adolescenti rincasano, entrano disordinati ma cortesi chiedono chi noi siamo e cosa abbiamo “fatto”, poi subito dopo si preparano che altro devono fare, la giornata ha un fine profondo ma non gli è finita.

Mi pervade un senso di pace e tranquillità in quell’ordinato caos lento. Bevo il caffè e vedo che anche le facce dei miei compagni si sono distese ancora più.

Mi sento però anche superficiale. Tutto il giorno ad impegnare energie, tempo e risorse a salire 150m di roccia per poi appena sopra cercare il modo più veloce per scenderli.

Il paragone con la loro di giornata non tiene.

Non potrebbe tenere.

Non terrà mai.

Ringrazio però un po’ l’alpinismo, sarà pure la “ricerca spasmodica dell’inutile” ma alcune volte regala questi incontri e queste giornate.

 

Contrada Piagù:

L’associazione Aria Nuova Onlus fa parte della rete “Operazione Mato Grosso”, che svolge numerose iniziative completamente gratuite coinvolgendo in particolare ragazzi e giovani dai 16 ai 30 anni per raccogliere fondi con cui sostenere le proprie numerose missioni in America Latina.

L’OMG promuove l’idea che per mezzo del lavoro, i ragazzi possono intraprendere una strada che porta loro a scoprire dei valori giudicati importanti:

  • la fatica;
  • il “dare via” gratis;
  • la coerenza tra le parole e la vita;
  • lo spirito di gruppo;
  • l’attenzione ai problemi altrui;
  • il tentativo di imparare a volere bene alle persone;
  • la capillarità tra i gruppi
  • fare bene le cose

 

Spirito Baldense, la nuova via di Beppe Vidali, una linea logica che Beppe aveva individuato da anni con e sue ricerche certosine in luoghi nascosti e parzialmente selvaggi.
Una fessura perfetta dalla base fin sotto un tetto che ne sbarra l’uscita, poi devia a sinistra e esce su un pilastro con difficolta minori. Beppe inizia la via nell’autunno 2014 con Sebastiano Munari e Diego Perotti, ma arrivati a quello che sarà il terzo tiro vengono respinti da una larga fessura la quale richiede friends di grosse dimensioni ….
Amareggiato e deluso, rientra.
Io e Sergio, al suo compleanno, pensiamo cosi di regalargli i friend n° 6 indispensabile per proseguire la via. Felice come un bambino mi chiede se vado con lui a proseguire ‘apertura, porto con me anche i miei friends grandi che avevo acquistato precedentemente per altri miei sogni, cosi riesce a completare i terzo e quarto tiro, rimane pero l’incognita del tiro del tetto. Ecco che cosi chiede appoggio a Sergio che con la sua esperienza di aperture, riesce a risolvere i tiro ostico della via.
La salita è risolta, rimane solo un tiro faci e ma sporco per uscire dalla parete, ma le giornate sono corte e non c’è tempo. Ritorniamo successivamente, calandoci pero dall’alto per ripulire bene il tiro.
Nella via sono stati trovati dei vecchi chiodi di precedenti tentativi, e stata fatta una ricerca per dare un nome a chi aveva fatto il tentativo ma senza risultato.
La via e stata attrezzata a fix del 10 comprese le soste, per renderla sicura, certi passaggi sono pero obbligati e comunque la via rimane di stampo alpinistico.

Giuliana Steccanella

da Arrampicare in Val d’Adige, 56 vie Moderne, Sergio Coltri e Giuliana Steccanella, 2018

 


Apritori:

Beppe Vidali, Diego Perotti e Sebastiano Munari, autunno 2014

Beppe Vidali, Sergio Coltri e Giuliana Steccanella, 20/04/2015


Descrizione:

Una via logica, già notata da alpinisti di Avio ma presa in mano da Beppe Vidali ed in seguito completata con l’aiuto di Sergio Coltri. Roccia ottima, difficoltà sportive, non eccessive ma sostenute in una zona selvaggia ed allo stesso tempo abbastanza comoda per esser ripetuta in giornate corte, come lo sono nelle mezze stagioni.

Attrezzatura sportiva in ambiente alpinistico, un mix difficilmente trascurabile da ogni arrampicatore. Gli apritori poi sono una garanzia.


Accesso:

Da SUD: Casello Ala-Avio, per SP 208 via Valle dei Molini con indicazioni Monte Baldo, San Valentino. Si sale per 10 km circa prendendo rapidamente quota. Si parcheggia in corrispondenza di un comodo ed ampio spiazzo a sx (link al P)  

Siamo già in vista dell’evidente diedro fessura che è esattamente a N poche centinaia di metri in linea d’aria.


Attacco:

Si prende appena più ed E il sentiero con segnaletica “Contrada Piagù” , si perviene in breve alla bellissima contrada animata e gestita dalla associazione Mato Grosso. Si lasciano le costruzioni sulla sx e si sale sempre verso E fino ad incrociare un sentiero che parte in corrispondenza di una condotta. Per comodo sentiero segnato si sale a sx direzione W ed indicazioni Madonnina, fino a che ad un bivio con palina rossa ove si abbandona il sentiero per seguire flebili tracce a sx.

Il sentiero dapprima segnato con qualche ometto si perde presto nella vegetazione, occorre quindi seguire con intuito traversando decisamente direzione W senza prendere troppa quota. Giunti in prossimità di un ampio canale ghiaioso (ometto alla base di una pianta) la parete e via ormai sono vicine. Attraversarlo e poi su percorso non obbligato arrivare alla esposta ma comoda cengia con a dx una caratteristica onda di calcare arancione.

Qui attacca la via, spit con cordone. 40/50 min dal P.


Foto con tracciati:

Schizzo via:

su gentile concessione di Beppe Vidali


Relazione salita:

tiro m difficoltà descrizione
L1 25 4c, 6a partenza a sx di un fix con cordone in mezzo a vegetazione e terreno smosso. Poi bella placca compatta. Sosta su comodo terrazzino intagliato.
L2 20 5c A sx verso l’evidente diedro fessura che caratterizza la via, poco dopo si passa una fastidiosa pianta e poi sosta appesi prima che le difficoltà aumentino visivamente.
L3 25 6b+ Su per lama strapiombante che incide a fessura tutto il diedro. Un po’ in dulfer ed un po’ in sostituzione si sale con splendida atletica arrampicata. Tiro bellissimo che vale la via. Sosta appesi.
L4 25 6a Ancora per bella placca a gocce e concrezioni alla dx del diedro. Sosta appesi.
L5 30 6b Appena a dx della sosta per placca, oppure dentro alla fessura in camino si guadagnano alcuni metri fino a vincere un leggero strapiombo. Ora traverso delicato a sx su placca lichenosa fino ad un bombè da vincere con decisione e coraggio. Sosta comoda ma ventosa in spigolo su zolle d’erba e terreno smosso. Tiro chiave per continuità e protezioni.
L6 25 5c Leggermente a dx in placca e poi seguendo filo dello spigolo sul suo margine sx, difficoltà calate ma non finite. Soprattutto per via di qualche passo su erba che adduve alla comoda sosta finale su terrazzino.
sviluppo 150 m
gradazione 6b+ (6a+ obbl.), S2, III

Discesa:

  • Non salire l’invitante placca ma traversare a sx per terreno esposto, poi scendere pochi metri fino a guadagnare l’impluvio boschivo. Salire senza percorso obbligato fino ad un bel pianoro sommitale. Stare ancora alti e traversare a dx viso monte per leggera traccia tra fogliame nel bosco (! esposta e malsicura) fino a pervenire in una spianata alla sommità di alcuni canali. Prendere quello a N che è il più ampio ed evidente e che su terreno viscido e pieno di fogliame permette di abbassarsi velocemente (passi di II). Giunti nei pressi del canalone ghiaioso lo si scende brevemente fino a ritrovare la traccia di sentiero dell’andata (lasciato ometto sulla sx alla base di una pianta)
  • Doppie sulla via possibili ma sconsigliate per i traversi e soprattutto per la vegetazione.

GPS:

Total distance: 4074 m
Max elevation: 1319 m
Min elevation: 863 m
Total climbing: 573 m
Total descent: -802 m
Total time: 08:39:48
Download file: via_Spirito_Baldense_gpx _2019-03-09.gpx


Compagni:

Claudio Bassoli, Ivan de Iesu


Note personali:

  • Via sportiva ma con un deciso sapore di “ambiente”.
  • Portarsi un tronchesi leggero per decespugliare L1, L2 e parte dell’avvicinamento e discesa, potrebbe rivelarsi la “protezione veloce” più azzeccata della giornata.
  • Fermatevi al ritorno alla contrada Piagù per prendere qualche loro prodotto e soprattutto per farvi invadere dalla loro ospitalità e visione della vita.

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [7.21 MB]


Meteo:


Meteo Brentonico


Ritieni utile la mia relazione ?

Donazione 1€ per lo sviluppo del sito.


Ti potrebbero anche interessare:

Ala Avio 1

    1

    val d'Adige 45

    45


    Gallery

    Categorie
    Alpi Orientali climbing Piccole Dolomiti relazioni rock climbing via arrampicata ambiente via Dolomitica

    Spigolo Boschetti Zaltron attacco Balasso brother

    Sojo Uderle 1600m

    Soji Rossi del Pasubio – Piccole Dolomiti – Vallarsa (TN)


    Una via spettacolare!

    Bella in piedi, su uno spigolo estetico che strega già a Ponte Verde, roccia insolitamente solida per le zone limitrofe, solare ma repulsiva al tempo stesso.
    Logica.
    Traversi, diedri, camini, placche e pure un pendolo. Non le manca nulla.
    Poi con quell’uscita tipica da “Piccole” che quando cali la concentrazione che ormai i gradi si adagiano, quando ormai di un chiodo che ti si è aperto appena appeso hai solo l’anello di ferro nel rinvio come ricordo , è proprio lì, il momento che ti ritrovi a tu per tu con la tua presunta calma.
    Le mani a roto-trazionare ciuffi verdi per guadagnarsi la sosta su un salvifico mugo, sempre senza tirar troppo, perchè “le radici sono importanti”, sempre !

    Ringrazio Claudio che ha seguito i miei soliti vaneggiamenti per le Piccole.
    Lo ammetto, sono di parte, tutto ciò che trovo qui non lo trovo altrove.

    Ma forse non so solo, cercare…

    RELAZIONE (ITA) 
    Logistica
    ItinerarioSpigolo Boschetti - Zaltron, + attacco Balasso
    prima salitaMario Boschetti, Cesco Zaltron 1+2/05/1953 con bivacco
    Zona MontuosaPiccole Dolomiti
    SottogruppoPasubio
    SettoreSojo Uderle, 1600 m
    StatoItaly
    Località di PartenzaPrà dei Penzi (VI)
    Parcheggiosulla strada
    Sentieri
    Punti d’appoggiotrattoria Ponte Verde
    Acquatrattoria Ponte Verde
    Dislivello avvicinamento [m]150
    Dislivello itinerario [m]450
    Sviluppo itinerario [m]600
    Quota partenza [m]950m
    Quota arrivo [m]1600
    Bibliografia utilizzataGuido Casarotto
    Piccole Dolomiti e dintorni
    Arrampicate scelte
    Cartografia utilizzata-
    Difficoltà
    Tipologia itinerariovia Roccia
    Tipologia rocciadolomia
    GradoVII -
    Grado obbligatorioVI
    ImpegnoIII
    Difficoltà globaleTD+
    ChiodaturaR2
    MaterialeNDA + serie friend e nuts
    Esposizione prevalenteE - SE
    Punteggio difficoltà80
    Nostra gita
    Data gita10/06/2016
    Tempo impiegato avvicinamento1h
    Tempo impiegato salita9h
    Tempo impiegato discesa1.5
    CompagniClaudio Bassoli
    Libro di vettaSI
    Giudizio9
    ConsigliataSi. Una delle più appaganti arrampicate alle Piccole Dolomiti.
    Link utilihttp://piccoledolomiti.jimdo.com/protagonisti-storici-e-recenti/

    Arrampicate scelte nelle Piccole Dolomiti -G. Casarotto


    Schizzo:

    Loader Loading...
    EAD Logo Taking too long?

    Reload Reload document
    | Open Open in new tab

    Download [6.89 MB]


    Gallery: