Categorie
relazioni Valle del Sarca via sportiva

Nataraj

via Nataraj

parete della Mandrea, 600 m circa – valle del Sarca (TN)

Quinta via per me alla Mandrea e forse una delle più belle ripetute.

D’inverno pochi posti in Valle del Sarca offrono tanto in termini di puro piacere arrampicatorio, il sole spesso bacia queste pareti e nella conca di Laghel si forma un microclima a se stante che riscalda non solo le verticali rupi ma pure le ossa di chi vi si immerge. Gli occhi sono appagati sia durante la salita sia durante la discesa da una lussureggiante vegetazione, le orecchie spesse volte non odono altro che la voce di un compagno, della vostra cordata o di qualche altra vicino.


Descrizione:

Via abbastanza sostenuta sul grado, presenta diversi tiri dove per il primo occorre sapersi muovere agevolmente vicino all’obbligatorio. Atletica in sezioni altre tecniche. Presenta: placche, diedri, traversi e strapiombi. Non ci si annoia, anzi. Roccia perlopiù ottima, solo L10 necessita di piede leggero.


Accesso:

Arrivare ad Arco, poi tenere indicazioni per il Castello – Laghel. Appena passata la chiesetta con fontana al bivio tenere a sx per la Mandrea. Percorrere tutto la strada che sale a volte stretta e sterrata fino al classico parcheggio nei pressi del cippo votivo.

Per accorciare la discesa si potrebbe lasciare l’auto prima dove scende il sentiero 408, oppure direttamente sulla strada alla fine delle vie


Relazione salita:

vedi ottimo schizzo D.Filippi sotto

300 m, 11L, 6b+ (6a+ obbl), II

Ripetizione del 18/03/2017

compagno: Ivan de Iesu


Schizzo:


Discesa:

  • discesa per sentiero: all’uscita della via tenere tracce direzione W che in falsopiano conducono alla vicina strada asfaltata. Trovata questa scendere in direzione S (Padaro-Arco) passando alcune belle abitazioni, fino a che sulla sx si stacca il sentiero 408 che scende dapprima parallelo alla strada e poi si dirige chiaramente verso sx (E). In corrispondenza di un bivio tenere a sx e risalire per pochi metri ad una cava che si aggira a dx. In breve poi si perviene ad un grosso traliccio da cui torna visibile la splendida vallata di Laghel. Giunti in prossimità della Bocchetta di Padaro 418m, tenere la sx e scendere ripidamente fino alla strada percorsa la mattina la quale risalita conduce al classico parcheggio.

Note:

  • via molto appagante dal punto di vista arrampicatorio, abbastanza atletica nelle sezioni “dure” ma ottimamente protetta tanto da azzardare qualche passo anche se si possiede solo il 6a a vista.
  • il 6c dell’ultimo tiro l’ho trovato più semplice dei passi obbligati di L1 e soprattutto L3 (unico A0 della giornata)

Cartina:


GPS:

[leaflet-map lat=45.94203  lng=10.88414 zoom=14]

[leaflet-marker lat=45.94779  lng=10.88816 visible=”true”]via Nataraj

[/leaflet-marker]
Visualizza mappa ingrandita


Ritieni utile la mia relazione ?

Donazione 1€ per lo sviluppo del sito.

Gallery

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *