Categorie
1000m climbing Piccole Dolomiti relazioni via arrampicata ambiente via Dolomitica

Vicenza + Verona al Baffelan

monte Baffelan, 1793m

Gruppo del Carega (Vi)

combinazione via VICENZA + VERONA

Zona Montuosa:Gruppo del Carega – sottogruppo Sengio Alto, monte Baffelan (Vi) 1793m, parete N
Località di partenza:Rifugio Campogrosso 1448m – Passo di Campogrosso
Quota Partenza:1448 m
Quota di arrivo:1793 m
Dislivello totale / Sviluppo via:345 m totale / 190 m la via
Tempo di avvicinamento:45 min avvicinamento
Tempo di salita:2.5/3 h
Tempo di discesa:1h
Sentieri utilizzati:149 e 177
Difficoltà:D
Grado obb.(max)III+/ IV (passo di IV+)
Proteggibilità :R2, Soste su golfari cementati. Chiodi di passaggio nei punti più difficili.
Impegno:2
Materiale necessarioNDA. Solito da arrampicata in ambiente. Due mezze corde da 60mt. Serie di nuts e cordini.
Caratteristiche salita:Via in ambiente. Parete sempre in ombra e possibilità di tratti bagnati e/o ghiacciati.
Pericoli oggettivi:Soliti da arrampicata in ambiente. Possibilità concreta di scariche di sassi da chi precede ed anche senza.
Esposizione:N
Periodo consigliato:Da Giugno a Settembre. Vista l’esposizione della parete è bene evitare giornate con meteo incerto o dopo le copiose piovute delle “Piccole”
Punti appoggio:Rifugio Campogrosso 1448m.
Condizioni meteo:A tratti coperto.
Condizioni della roccia:Tratti con roccia instabile. Roccia buona nei punti più difficili
Cartografia:Pasubio – Carega – Foglio 1 – sud  1:25.000,  Sezioni Vicentine del CAI
Giudizio sull’ascensione:♥♥♥ Bella salita in ambiente molto suggestivo. Roccia generalmente buona, salvo in alcuni tratti.
Ripetizione del:24/05/2014. Nicola Bertolani+Roberto Scagliarini, Gianluca Bulgarelli + Marco Bulgarelli

Accesso:

Uscita A4 Montecchio. Seguire le indicazioni per Valdagno, poi Recoaro Terme e successivamente per passo di Campogrosso. Parcheggiare nelle vicinanze del rifugio, il parcheggio sulla strada del Re fino alla sbarra è sconsigliato e spesso multato.
LINK al P consigliato.


Avvicinamento:

Dal rifugio Campogrosso seguire la strada asfaltata verso E chiamata strada del Re (sent 177), direzione malga Baffelan / ossario Pasubio.
Oltrepassata la sbarra di chiusura al traffico si abbandona poi la strada seguendo il sentiero segnavia 177 sulla sx. Superata l’incombente parete E del Baffelan, si stacca sulla sinistra una traccia, che in ripida salita conduce al di sotto di un muro di contenimento di grossi blocchi cementati.
Al suo estremo sinistro si trovano una catena e qualche piolo metallico che consentono di raggiungerne il bordo superiore.
Da qui seguire le tracce di sentiero che risalgono il ripido canalone che costeggia la parete nord del Baffelan (qualche passo di facile arrampicata). Quando la traccia si addossa e tocca quasi la parete nord del Baffelan è ben visibile una nicchia gialla sulla destra.
Qui si trova l’attacco della via Verona.
L’attacco della via Vicenza si trova una decina di metri a sinistra (faccia alla parete), in corrispondenza di un piccolo bollo rosso leggermente sbiadito a circa 2 mt di altezza.
Sulla verticale sono visibili i primi due chiodi.

Foto tracciato:

Schizzo via Vicenza e Verona al Baffelan
Schizzo via Vicenza e Verona

Descrizione via:

  • L1Partenza sulla via Vicenza. Vincere lo strapiombetto iniziale, (IV+), superare una placca (III+, 1ch), puntando alla lama soprastante (1ch, IV). Per paretina più facile (III+) salire fino ad una marcata fessura-diedro alla destra di uno strapiombo, superarla (IV+, 2ch) e traversare su rocce rotte verso sinistra fino alla sosta su anello cementato. (35mt, IV+, III+, IV, IV+, 4 ch)
  • L2 – Salire verticalmente su placca lavorata (2ch III), salire su di una piccola ed esposta cengetta (passo IV-), traversare a sx raggiungendo e risalendo una larga e rotta fessura (III). Traversare poi verso destra per 5/6 metri con passi esposti fino all’imbocco di un umido camino (III+, 1ch a dx semi-nascosto all’imbocco del camino, allungare molto le protezioni precedenti per evitare attriti). Risalire il camino fino al suo termine (1ch, III+) e rimontare a destra su di un comodo ballatoio con la sosta. (passo IV). (35mt, III, III+, passo IV, 3 ch)
  • L3Da questo punto la descrizione si riferisce via Verona. Risalire la paretina sopra la sosta (III) e raggiungere il terrazzo soprastante. Superare la successiva parete (passo IV-). Dopo un breve terrazzo risalire il camino a sx (IV-, passo IV) fino alla sosta su comodo ballatoio (30mt, III, IV-, passo IV)
  • L4 – Scendere e salire la rampa a dx della sosta e traversare a sx per 7/8 metri fino ad uno strapiombetto con una marcata fessura al di sotto di un camino-canale. In alternativa e possibile, dalla sosta, traversare in esposizione a sx e risalire allo strapiombetto superando una paretina aggettante con passo di V. Vincere lo strapiombetto (passo IV) e risalire l’umido ed instabile canale (II, III-), prestando attenzione a non smuovere i sassi che si trovano sul fondo. Uscire dal canale al di sotto di un masso incastrato. Pochi metri più in alto si trova la sosta, in comune con la via che risale il pilastro Soldà. (35 mt, III, passo IV, II, III-)
  • L5 – Dalla sosta traversare a sx ed imboccare il magnifico diedro soprastante (III+, IV-). Nella parte alta occorre scegliere la parete di destra di quest’ultimo con passo deciso (2ch, IV, passi IV+). Usciti dal diedro questo prende la forma di un largo camino con un accidentato canale basale (attenzione sassi instabili) salirlo fin quasi al suo termine (III+, II+, possibile sosta intermedia su 2 vecchi chiodi sulla parete di dx). Da qui spostarsi sulla nera e strapiombante parete di dx, superarla spostandosi a dx e sfruttando una breve fessura (III+, passo IV-) si giunge ad un comodo e solare ballatoio con anello di sosta.  Attenzione alla lunghezza del tiro e delle corde a disposizione (55 mt, III+, IV, IV+, III+, IV-, 4ch)

Relazione:

Loader Loading…
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [3.03 MB]


Discesa:

Seguire le tracce verso S e aggirare a sinistra una paretina rocciosa (ometto) fino alla croce di vetta. Da qui proseguire verso W scendendo per la via normale (passi di II+ in discesa) fino ad incrociare il sentiero segnavia 149 sul passo delle Gane.
Da qui per sentiero si passa sotto alle Due Sorelle e Sengio Sisilla fino all’evidente parcheggio del rifugio Campogrosso.
TOT: 45min / 1h


Bibliografia:


Note:

  • La ripetizione descritta prevede la partenza sulla via Vicenza e l’uscita sulla via Verona, combinazione classica che sentiamo di consigliare siccome rende il grado più omogeneo e continuo.
  • La via non è così banale come il grado lascerebbe intendere, occorre aver salito prima altre vie e/o è un ottimo modo per avvicinarsi a vie classiche in Dolomiti, qui però con roccia che richiede “mano sensibile”.
  • Percorsa durante una uscita di aggiornamento Scuola Montanari sez.Cai Carpi da: Nicola Bertolani con Roberto Scagliarini – Gianluca Bulgarelli con  Marco Bulgarelli.

Ritieni utile la relazione?

Dona per lo sviluppo del sito e permettermi di togliere la pubblicità.
Grazie.

1€5€10€

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *