Categorie
0-999m Brentino relazioni Turan val d'Adige via arrampicata ambiente

Diedro degli Elfi

Parete di Turan, 120 m

Monte Cimo – Brentino (VR)

C’era bisogno di un’altra linea a Brentino per giunta a ridosso dell’autostrada e con avvicinamento che si snoda tra una fabbrica e dei tralicci d’alta tensione?

No, anzi a ben guardare sì.

L’occhio attento e lungimirante di Stefani ci ha visto una linea logica e perfetta, che dal basso sale verso l’alto sfruttando non solo le debolezze della parete ma una roccia che racchiude: placche, canne, concrezioni, diedri, traversi e fessure in un summa come non si trova in molti altri itinerari limitrofi.

L’apritore sapeva bene che data la collocazione mai e poi mai avrebbe potuto ambire a divenire una “classica alpinistica” e penso sapesse pure bene le polemiche che sarebbero scaturite dallo stile suo personale di chiodatura, ben differente da tutto ciò che la circonda.

E qui scatta l’innegabile stile e savoir-faire delineato da fatti e non parole: una pulitura titanica e quasi ossessiva per la linea di salita e discesa, una ottima relazione e poi l’uscita di scena da ogni polemica. Un passo indietro lasciando ai ripetitori l’ardua sentenza ma nello stesso tempo ben sapendo la pochezza di questi giochini verticali all’aperto, che lui e noi amiamo tanto fare ad ogni week end.

Ha nascosto alcuni Elfi in punti strategici, che ti osservano placidamente seduti al riparo mentre stai cercando di capire dove è il prossimo chiodo, se terrà un volo vista la foggia artigianale e quindi ci si sta arrovellando sudati per piazzare un buon nut, friend o cordino.

Ecco in quel momento se ti fermi un attimo a guardare l’elfo pare ti ridimensioni la visuale. Nella sua prospettiva tutte queste energie, forze fisiche e mentali sono inutili ed applicate ad una cosa inutile come è salire a fatica dove lui placidamente siede: la metafora dell’alpinismo.

Appena dopo si affronta il passo più sereni. Del nostro passaggio rimarrà nulla, come è giusto che sia e come penso pure l’elfo ben sa. Ci sarà un giorno che il suo tetto crollerà e diverrà lapide: è gravità, è natura, è normale, perchè scappare?

E quanti ne avrà visti prima sbuffare, imprecare e maledire ma poi, una volta al libro di vetta, ringraziare e sorridersi a vicenda tutti i componenti della cordata, sia propria che magari quella vicina per tutta la salita.

Perchè se ci si prendesse tutti meno sul serio si potrebbe veramente, come auspica l’apritore:

“Dedicarla a tutti quelli che al termine della via avranno scoperto il piacere di un sorriso.”

 


 

Apritori:

Matthias Stefani in autosicura (in 3 giornate maggio 2018)


Accesso:

Uscita Affi, direzione Rivoli- Brentino, dopo abitato Tessari sulla strada principale parallela alla A22 si incontra sulla destra il Cristo della Strada, dopo 100m passato un sottopasso subito sulla sx si parcheggia (lasciate auto fuori dalla sbarra) nei pressi di una fabbrica (maps link). Si segue carrareccia a dx della fabbrica verso S fino ad incontrare un traliccio della tensione. Lo si aggira verso S per vegetazione e ciottoli puntando ad un secondo traliccio. La traccia in breve diviene marcata e segnata da ometti e bolli blu che si seguono facilmente fino al comodo attacco segnato da un elfo alla base e sopra un chiodo blu. 10/15 min dal P.


Relazione:

Difficoltà:IV, V, V+, 2 passi VI (V+ obbl.), TD-
Proteggibilità:R1
Impegno:II
Sviluppo:185 m
Tiri:6
Attrezzatura:NDA,  12 rinvii, friend 0.5, 0.75, 1, 2 e/o serie nuts
Esposizione:E -NE
Tipo di roccia:calcare
Periodo consigliato:primavera ed autunno
Tempo salita:circa 4h (cordata 3)
Bellezza:****
Apritori:Matthias Stefani maggio 2018
Riferimenti bibliografici:Arrampicare in Val d’Adige – Monte Cimo
Tra il lago e il fiume, 2007 | Coltri S., Vidali B.,
Monte Baldo Rock | Cristiano Pastorello, Eugenio Cipriani – Vers SUD 2014
Cartografia:Kompass, foglio 102, Lago di Garda – Monte Baldo, scala 1:50.000

Relazione tiri:

tiromdifficoltàdescrizione
L140V, 1.p.ssoVIpartenza dritti sopra all’elfo per fessura (1 ch) fin sotto ad uno strapiombino che si affronta leggermente a dx. Traverso a sx (allungare prot.) ma senza arrivare al fondo liscio del diedro. Si sale per placca tra ch ed alberello fin sotto all’ostica placca da vincere con convinzione (1 p.sso VI, o V A0) Poi facile placca ascendente a sx fino alla sosta comoda (cordoni in clessidre)
L220VSu per belle canne e placca lisciata dalle intemperie, più facile a farsi che vedersi. Con movimento verso dx e sfruttando l’ottima roccia si perviene presto in sosta comoda (cordoni in clessidre)
L335V+, IVTraversare orizzontalmente a dx e vincere un movimento tecnico in placca V+ (1 ch da allungare), riportarsi a sx nel fondo del diedro che si sale con bella arrampicata sfruttando le canne e l’ottima roccia. Sosta su clessidre e 1 ch (ultima possibilità per calata in doppia)
L430IV, IIISopra la sosta rinviando con cordino uno spuntone poi più facilmente ci si porta sotto allo strapiombo che si segue orizzontalmente alla base su goduriosa roccia a concrezioni fino alla comoda sosta su 4 ch.
L535V, VI, V+Dritti per placca che aumenta di difficoltà man mano si sale con andamento verso dx. Dopo 10m alla base del diedro passo tecnico strapiombante e non intuitivo (VI) che ci permette entrare nel bellissimo diedro/fessura; il quale si integra bene con friend e nuts medi e conduce alla comoda sosta su un pulpito a sx (3ch di cui 1 a pressione). Tiro chiave per continuità.
L625III,IIA sx su percorso non obbligato ma cercando il ch, poi ancora a sx su facile ma detritica arrampicata fin al bosco sommitale dove si sosta su comoda cengia con cordone e libro di via.
sviluppo185m
gradazioneIV,V,V+, 2 passi VI (V+ obbl.), R1, TD-, 2

[the_ad id=”10481″]

Schizzo (aggiornato 2019-10):

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [213.17 KB]


Compagni:

rip del 04/10/2019: Silvia Corradi e Mephisto


Discesa:

  • Per traccia verso N (a dx viso monte) segnata in blu si scende dapprima in direzione N e poi E. Per bosco su terreno detritico e terroso si scende o tramite facili ma delicate arrampicate di II oppure sfruttando 3 comode fisse con nodi che l’apritore ha posizionato nei punti più esposti. Possibilità di effettuare qualche doppia su maillon lasciate sul posto (non rubare!) in caso di pioggia o piede non sicuro. Al termine ci si ricongiunge ad una comoda traccia che solca la base della parete e con andamento verso S in breve riporta all’attacco e quindi al P. 20/30 min od 1h con doppie.
  • doppie sulla via sconsigliabili per via dei traversi e della vegetazione e/o comunque molto difficoltose dopo S3

GPS:

Visualizza mappa ingrandita


Note:

  • Di tutte le vie di Brentino questa risulta una delle più abbordabili come grado ma non è da sottovalutare siccome dal sapore decisamente alpinistico. Occorre saper integrare, nel caso scendere in doppia con possibili incastri e traversi ed avere piede fermo, soprattutto nel catino finale pena scaricarsi sassi vicendevolmente. Quindi è raccomandabile come scoperta di questo magnifico luogo ma non come “prima” via alpinistica od in cordate non affiatate.
  • Rumore dell’autostrada e ferrovia infernali.
  • consigliabile portarsi dietro un piccolo tronchesi e guanti per pulire un pò l’accesso dalla fabbrica ai tralicci che risulta facilmente invaso dalla bassa vegetazione soprattutto ad inizio stagione.
  • Colazione abbondante alla Opera Prima caffè e birra con piada post arrampicata dalla Gigia, fanno parte integrante dell’esperienza arrampicatoria Brentiniana. Buon divertimento.

Meteo:


Meteo Rivoli veronese

Bibliografia:


Ritieni utile la mia relazione ?

Donazione 1€ per lo sviluppo del sito.

Ti potrebbero anche interessare:

Boomerang 3 3 val d'Adige 42 42

Gallery:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *