Categorie
3000m Alpi Centrali Alpi Orientali Alta Quota couloir goulotte ice climbing relazioni

couloir dell’H

Monte Nero 3344m

Presanella (TN)


Preparazione.

In questa estate anomala ed autunno avaro di temperature basse, trovo completamente soddisfatta la voglia di roccia, ma non quella di ghiaccio e soprattutto di alta montagna.
Questo couloir lo corteggio da anni siccome è spesso uno dei primi ad andare in condizioni già dopo le prime nevicate autunnali. E così è stato anche quest’anno.
Complice una imbeccata da un report dagli nostri vicini “Alpinisti del Lambrusco” propongo la salita ad Andrea.

La prima settimana salta ma quella dopo tutto sembra volgere alla fatidica frase: “Andiamo !”
Partiamo dopo lavoro, stanchi ed un poco svogliati, ma partiamo.
A volte la cosa più difficile è proprio questa.
Passiamo in rassegna sulla valle del Sarca il Colodri, Coste Anglone, Casale, Cima alle Coste, il Brento e poi il Dain. Tutti li in fila di notte mi incutono ancora più timore ma anche attrazione.
Ne parlo con Andrea ma lui ormai è già con la testa in Val d’Amola.
Ed allora andiamo, carichiamo gli zaini, le stelle imbiancano i passi da seguire ed in breve siamo al rifugio Segantini.
Ci aspettavamo la fila ed invece saremo i soli per tutta la notte. L’uscita infrasettimanale ha i suoi pregi.
Esco per qualche foto. La notte e posizione regala una stellata degna di un 4000, ma ho scordato a casa l’obiettivo buono e ben poco riesco a catturare.
Torno dentro, la stanza a lume di candela è molto confortevole ma vediamo i nostri fiati cristallizzarsi.
Dormiamo qualche minuto.

Sveglia alla 3.

Suona ma la ignoriamo. Svogliatamente apriamo i thermos che fumano un caffè caldo. Andrea offre dell’ottimo pane e le forze riprendono i nostri corpi.
E’ ora di uscire.
Ci mettiamo in marcia e due frontali partite da giù ci raggiungono e superano.
Le lasciamo andare avanti e ne ignoriamo la salita, quasi a volerci godere da soli la “nostra Montagna” oggi.
In effetti dopo poco perdiamo le loro flebili luci, loro hanno deviato sulla morena appena dopo i laghi, noi sbagliandoci no.
Saliamo sulla schiena d’asino su cui scorre la normale alla Presanella, ed in poco tempo prendiamo quota. Addirittura troppa.
Alle prime luci dell’alba ci accorgiamo occorre abbassarsi.

Il monte Nero è davanti a noi, ma il versante è quello errato.
Giù per un bel canale che ci farà perdere un centinaio di metri e poi su di nuovo a mezza costa ormai a seguire l’evidente parete N del monte Nero, dopo cui si staglia l’imponente Est della Presanella.
Siamo di nuovo in Montagna e la sensazione di dividerla con un amico mi pervade ed appaga.

Attacco del canale.

Qualche spindrift evidente su altre colate. La nostra ha però sopra i due ragazzi che paiono avvantaggiati solo di pochi minuti. Ci ripariamo sotto ad un masso basale. Tutto quello che tirano giù finisce a destra ed a sinistra. Un ghiacciolo trova il mio braccio, imprecazione e fretta di partire:  « Dai che andiamo ! »
Finisco la corda e con qualche passo in conserva uniamo i primi due tiri facendo sosta a destra del canale e prendendo quasi la quota dei due nuovi compagni di scalata.
Meglio non star troppo distanti per studiare le loro mosse. Spaccano il giusto ma purtroppo avvisano zero e quindi tutta la salita sarà costellata da costanti e ripetitive sorprese.
Evitare la ressa sulle cascate e goulotte! Lo sappiamo ma ci ricapitiamo sempre dentro.

Il couloir è bello. La neve a tratti portante. Il ghiaccio affiora ma impone di sapere progredire anche senza.
Le soste sono spesso da attrezzare e rinforzare su granito. Nulla di particolarmente difficile, anzi, però un po’ di esperienza alpinistica è richiesta e gradita.
Ci stiamo proprio divertendo e l’ambiente man mano si sale si apre e da assuefazione.
In conserva protetta ed un po’ a tiri, arriviamo al primo salto di misto. Pare un poco più ostico che dalle relazioni ed in effetti così è.
Non si trova neve portante sul crux e pure la roccia pare a placche spioventi, le piccozze una volta caricate perdono l’appiglio. Anche se il chiodo è sotto occorre trattenere il fiato e forzare il giusto.
Siamo fuori. Pronti per il secondo salto di misto che dovrebbe essere il chiave.
Stranamente va via più liscio di quello sotto, bene.
Andrea ora si mette in testa e si gode forse uno dei tratti più belli. Una serpentina tra blocchi granitici e qualche passo di misto che depositano direttamente sotto alla marcata cornice, bucata a V sul suo lato destro.

Vedo il sole, Andrea mi sorride, siamo fuori ed è una magnifica giornata, tersa e calda come solo l’autunno può dare.

Non si ha per nulla voglia di scendere.
Ci godiamo un po’ di sole.

Poi però l’orario ci ricorda la discesa non è breve e via che ci si incammina sulla normale sud alla Presanella. Non banale neppure questa visto che qualche passo è da forzare coi ramponi che gracchiano sul granito soleggiato oppure con un cavo seppellito nella neve, che poco o nulla agevola sui ripidi ed instabili pendi di neve.

Il tramonto infiamma un laghetto ed il Brenta si incorona a re in questo specchiarsi di certezze, amicizia e sogni.

L’Alpinismo che amo.


Scheda salita:

RELAZIONE (ITA) 
Logistica
Itinerariocouloir H
prima salitaI. Bazzani, F. De Stefani, C. Santus (scarp. 1980 n.20)
Zona MontuosaAlpi Retiche Meridionali
SottogruppoAdamello – Presanella
SettoreMonte Nero 3344m
StatoItaly
Località di PartenzaP malga Valina d’Amola (TN)
ParcheggioVicino a Malga Valina d’Amola, Link a MAPS
Sentieri
Punti d’appoggiorifugio Segantini 2378m
Acquanumerosi corsi acqua nei pressi del rifugio
Dislivello avvicinamento [m]300+600
Dislivello itinerario [m]400
Sviluppo itinerario [m]600
Quota partenza [m]2000
Quota arrivo [m]3344
Bibliografia consigliataPRESANELLA ROCK & ICE
Versante meridionale
Francesco Salvaterra
Cartografia utilizzataKompass 639
Difficoltà
Tipologia itinerariovia Ghiaccio / misto
Tipologia rocciaGranito
GradoAI 3, WI 2, M4
Grado obbligatorio
ImpegnoIII
Difficoltà globaleD+
ChiodaturaR3
MaterialeNDA + serie friend e nuts + 3 viti ghiaccio + 2 chiodi + 2 corpi morti o fittoni
Esposizione prevalenteN – NE
Punteggio difficoltà
Nostra gita
Data gita12/11/2015
Tempo impiegato avvicinamento3h
Tempo impiegato salita6h
Tempo impiegato discesa3,5 h
CompagniAndrea Pellegrini
Libro di vettaSI, al rifugio
Giudizio8
ConsigliataSi. Ambiente molto suggestivo. Linea che ricorda le più facili goulotte del Bianco.
Link utiliPlanetmountain

Schizzo e relazione via

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [2.51 MB]


Tracciato

Tracciato via
Tracciato via

Cartina

Tracciato percorso
Tracciato percorso

GPS


Visualizza mappa ingrandita


Ritieni utile la relazione?

Dona per lo sviluppo del sito e permettermi di togliere la pubblicità.
Grazie.

1€5€10€


Gallery


Ti potrebbero anche interessare:

Alta Quota 25 25
Categorie
3000m couloir goulotte ice climbing relazioni

couloir goulotte Mistica

Torre Innerkofler  3081m

gruppo del Sassolungo – Dolomiti (BZ)


Apritori:

Alberico Mangano, Guido Casarotto, Marco Heltai il 1 marzo 1997


Accesso:

Dal passo Sella (link al P) risalire brevemente le piste da sci direzione W verso il Sassopiatto fino a che si perviene intorno ai 2400 slm su una cresta nevosa (od erbosa ad inizio stagione) e la si percorre.
Quando ormai si è alti e sotto alle imponenti pareti della Grohmann a dx, si percorre in mezzacosta puntando ad una evidente forcella e risalendo il breve ma faticoso canale Moppo (calzare ramponi alla prima avvisaglia di ghiaccio).
Giunti alla forcella ci si abbassa in direzione N per 150/200m nel vallone piegando leggermente a dx fino a che non si apre un pendio da cui si intravedono gli attacchi delle 3 vie: Anima Mundi, Mistica e Clean Gully.
La nostra sarà quella in mezzo e con evidente il muretto ghiacciato di L3.


Cartina

Green = avvicinamento e discesa
Red = salita e doppie

Schizzo via:

Loader Loading…
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [292.46 KB]


Difficoltà

AI 4+, 70°, M4, TD, R3, III, 500m


Relazione salita:

  1. L1= salire il ripido canale 65/70° tra roccette tenendo leggermente la dx. 70°, 50m.
  2. L2= su pendio facile ma carico di neve fin sotto all’evidente paretina ghiacciata (1CH da rinforzare). 50°, 50m.
  3. L3= su per muretto verticale sovente con ghiaccio sottile e fragile di difficile proteggibilità. Poi a sx per pendio ghiacciato fino ad immettersi all’inizio di una estetica goulotte. AI 4, 75°, 35m.
  4. L4= Ancora dentro la goulotte su difficoltà minori fin sotto alla evidente colonna ove si sosta comodamente sulla dx. AI 3, 70°, 30m.
  5. L5= traversare a sx fin alla base della colonna. Scalarla sulla dx (1 ch) fino alla sua sommità dove il terreno di abbatte prima di un secondo breve salto sovente di misto. Appena superato sosta sulla sx. Tiro chiave. AI 4+, 90°, M4, 30m.
  6. ora seguono circa 6 tiri per 250m di salita su canale a 50/60° con alcuni saltini. Senza slegarsi proseguire di conserva medio- lunga fino alle cornici sommitali e lì individuare il passaggio più agevole. Solitamente è sulla dx ed è rappresentato da un diedrino di qualche metro (M3) che sbuca direttamente sullo spallone sommitale.
  7. Giunti sul pianoro dirigersi comodamente in vetta e lì godersi qualche minuto il magnifico panorama a 360°.

Discesa:

Tramite calate in doppia lungo l’itinerario di salita:

  • Prima doppia attrezzata abbassandosi a sx (faccia monte) rispetto alla forcella dove siamo usciti
  • seguono altre 7/8 doppie fino alla base del muretto di L3
  • qui è più proficuo traversare a dx (viso monte) stando in quota e legati fino ad un pulpito con 2 soste attrezzate e vicine che depositano con una ultima doppia vicino alla forcella del Moppo

Tutte le soste sono state attrezzate per la calata con cordoni e maglia rapida. Durante la calata prestare attenzione ad eventuali cordate in salita, soprattutto in prossima della candela.


Note:

  • Bellissima salita nel cuore delle Dolomiti che termina su una vetta dal panorama indimenticabile. Anche se non eccessivamente difficile richiede però una certa esperienza per poter saggiare la qualità del ghiaccio ma soprattutto dei pendi di neve e delle numerose doppie da gestire.
  • Portarsi anche il materiale da roccia, utile qualche friends dal #0.5÷#2 , 2 chiodi da roccia per ogni evenienza ed il coltellino, cordoni e maglie rapide per sostituirne di usurate o farne nuove.
  • Partire presto per evitare ressa, scariche dall’alto e soprattutto, per cordate non particolarmente veloci, bivaccare.

GPS:


Visualizza mappa ingrandita


Meteo:


Meteo Passo Sella
Dona per lo sviluppo del sito e permettermi di togliere la pubblicità.
Grazie.
1€5€10€

Gallery:

Categorie
3000m Alpi Occidentali Alta Quota Gruppo montuoso monte Bianco relazioni

petite Aiguille Verte

petite Aiguille Verte 3512m

Monte Bianco – Alta Savoia (FR)

Prima salita del


-COOMING SOON

 

 


Relazione


Discesa:


Compagno:

Marco Chiarini – Paolo Dante Gatti


Schizzo e relazione via:

 


 

 


Cartina

GPS

 

Ritieni utile la mia relazione ?

Donazione 1€ per lo sviluppo del sito.


Gallery

Day 1:

 

Day 2:

 

Day 3:


Ti potrebbero anche interessare:

Alta Quota 25

25

Categorie
3000m Alpi Occidentali Alta Quota Gruppo montuoso monte Bianco relazioni

Arete Midi Plan

Aiguille du Plan 3673m

Monte Bianco – Alta Savoia (FR)

Prima salita del


-COOMING SOON

 

 


Relazione


Discesa:


Compagno:

Marco Chiarini – Paolo Dante Gatti


Schizzo e relazione via:

 


 

 


Cartina

GPS

 

Ritieni utile la mia relazione ?

Donazione 1€ per lo sviluppo del sito.


Gallery

 

 


Ti potrebbero anche interessare:

Alta Quota 25

25