Categorie
0-999m Ceraino La Prua relazioni rock climbing val d'Adige via sportiva

via degli Spazzacamini

La Prua

Pilastro Principale della Chiusa di Ceraino, 250m

Val d’Adige (VR)

La via si infila dentro all’impressionante camino che delimita a destra lo spigolo della “Prua”. Con questo itinerario Vidali e Girardini hanno dato inizio all’esplorazione delle verticali pareti della Chiusa settore sinistro. Tolto L 1 sul quale è richiesta attenzione e sensibilità sul friabile, la via offre roccia compatta e lavorata.
Si alternano passaggi in placca tecnica a camini di opposizione.

da Monte Baldo Rock

Apritori:

Beppe Vidali e Guido Girardini, dic 2007 – gennaio 2008

rispittata in chiave sportiva da Beppe Vidali e Sergio Coltri, feb-marzo 2018


Accesso:

da SUD, uscita VR N, poi proseguire su SS12 per Trento. Sempre sulla SS12 passare Bussolengo, Pescantina, Ospedaletto e Volargne fino a che non ci si immette nel suggestivo canyon. Giunti in prossimità del ristorante La Chiusa P a SX (maps link) 

da NORD, uscita ALA Avio, poi proseguire per Verona. Giunti in prossimità della suggestiva gola di Ceraino P al ristorante La Chiusa (maps link) 


Attacco:

dal P del ristorante La Chiusa imboccare verso S la ciclabile, seguirla per circa 500m fino a che sulla SX si intravede una area picnic con fontanella e staccionata su una condotta di scolo. Abbassarsi in essa e percorrerla fino a sbucare sotto l’evidente parete a pochi metri dall’attacco. 10 min dal P


Relazione:

Logistica
Itinerario via degli Spazzacamini
prima salita dic 2007-gen-2008:Beppe Vidali, Guido Girardini
Zona Montuosa Val D’Adige
Sottogruppo Chiusa di Ceraino
Settore / Parete / Cima La Prua – loc.Monte
Stato Italy
Località di Partenza rist. La Chiusa (VR)
Parcheggio rist. La Chiusa (VR)
Sentieri /
Punti d’appoggio rist. La Chiusa (VR)
Acqua SI. Appena prima del tunnel sottostrada
Dislivello avvicinamento [m] 0
Dislivello itinerario [m] 170
Sviluppo itinerario [m] 200
Quota partenza [m] 100
Quota arrivo [m] 300
Bibliografia utilizzata /
Cartografia utilizzata /
Difficoltà
Tipologia itinerario via sportiva su calcare
Difficoltà su roccia 6b+ (6a+ obbl)
Grado su ghiaccio
Qualità roccia da ottima ad eccellente
Proteggibilità R1
Soste La maggior parte su spit-fix
Impegno 2
Numero di tiri di corda 8
Difficoltà globale
Pericolo slavine / caduta roccia basso
Materiale NDA-14 rinvii
Esposizione prevalente W – NW
Discesa doppia o sentiero
Punteggio difficoltà
Nostra gita
Data gita sabato 13 luglio 2019
Tempo impiegato avvicinamento 10 min
Tempo impiegato salita 5 h (cordata 3)
Tempo impiegato discesa 45 min
Compagni Claudio Bassoli (L1+L2), Ivan de Iesu (L5+L6+L7)
Libro di via Si.
Giudizio 9,0
Consigliata Si. Ottima per le mezze stagioni
Link utili


Foto parete e via:


Schizzo:

Su gentile concessione di Beppe Vidali, schizzo antecedente la rispittatura del 2018 quando la via aveva ancora caratteristiche alpinistiche.

Mio schizzo

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [403.07 KB]


Descrizione tiri:

tiro m difficoltà descrizione
L1 30 6a+, S1 Partenza su pilastrino con una fissa (ignorarla), poi diedro fessurato che occorre doppiare quando si chiude con passo in strapiombo sulla SX. Poi placca fino alla sosta su fix.
L2 30 6b, S1 A SX per bellissima placca fino a prendere la parte bassa di una lama ascendente. A metà passo tecnico. Uscita su placca e poi sosta comoda. Tiro sostenuto ma meraviglioso.
L3 30 6a, S1 Subito su placca con ingresso non intuitivo. Nel mezzo strapiombino poi a DX si perviene alla comoda sosta tra arbusti (tronchesi utili). Sosta comoda alla base del camino.
L4 25 5a, RS2 Dentro al toboga con facile arrampicata ma a volte polverosa e con protezioni distanti. Utili qualche cordino e friends fino al 3. Sosta scomoda appesi appena prima della chiusura del camino.
L5 20 6b+, S1 A SX in spigolo che diviene presto diedro strapiombante. Ci si porta leggermente in placca e poi più facilmente alla sosta sopra (se si vuole tenere le corde corte ed assistere ev. i compagni) sennò si risale un breve muretto sulla DX e poi per 5m di cengia orizzontale si sosta comodamente alla base della placca del tiro successivo.
L6 20 6a+ (A0), S1 Dritti su placca lavoratissima a gocce e concrezioni, a metà passo difficile (A0 su cordone o 6b+) poi su magnifica placca alla sosta sotto i tetti tra canne e flauti calcarei.
L7 30 6b+, S1 A SX su strapiombo a canne poi per atletici strapiombi con finale di placca con passo tecnico di aderenza. Tiro chiave, magnifico ma che richiede continuità.
L8 15 5c Non percorso
sviluppo 200 m
gradazione 6b+ (6a+ obbl.), S1, 2

Discesa:

  • 4 doppie (3 se non si percorre l’ultimo tiro). Noi abbiamo eseguito:
    • D1 = 50m, da S7 fino ad S5, stando leggermente a DX viso monte (il primo rinvii qualche fix prima di andare nel vuoto per 30m!)
    • D2 = 40m, da S5 (quella allestita alla sommità del camino, spit fix nuovi in parete) fino ad S3
    • D3 = 55m, da S3 fino a terra al centro della “fossa” invasa da edera
  • Per sentiero in loc. Monte dalla fine dell’ottavo tiro (soluzione non percorsa)

Compagni:

Claudio Bassoli (L1+L2) ed Ivan de Iesu (L5+L6+L7)


GPS:


Visualizza mappa ingrandita


Note:

  • Meravigliosa via sportiva sul calcare fotonico della gola di Ceraino ma con sviluppo quasi doppio rispetto alla classica sponda occidentale. L’ottima spittatura sicura e ravvicinata la rende appetibile a molti, anzi del settore forse è la più facile ma occorre avere saldo il 6a+ a vista e non solo per il primo di cordata.
  • Colazione abbondante alla Opera Prima caffè e birra post arrampicata dalla Teresa al ristorante La Chiusa, fanno parte integrante dell’esperienza arrampicatoria. Buon divertimento.

Meteo:


Meteo Rivoli veronese

Bibliografia:


Ritieni utile la mia relazione ?

Donazione 1€ per lo sviluppo del sito.

Ti potrebbero anche interessare:

Ceraino 6 6 val d'Adige 44 44

Gallery:


Categorie
0-999m Ceraino rock climbing val d'Adige via arrampicata ambiente

Carmina Burana

Chiusa di Ceraino

Val d’Adige (VR)

 


Accesso:

da SUD, uscita Affi tenere SP11 per Ferrara di Monte Baldo, entrati in Rivoli Veronese dopo la chiesa voltare a DX e per stretta strada e ponticello arrivare nei pressi della falesia pochi metri sopra l’Adige (maps link) 

Costeggiando l’Adige verso S in 3 min si è alla base delle vie su uno scudo liscio sul sentiero. Per l’attacco classico occorre risalire la ferratina a sx e portarsi nella cengia con cavo metallico che incide orizzontalmente tutta la parete.


Descrizione:

L0 = partiti da “Una Razza una Faccia” per dare più sviluppo alla via. 5b,5c, 20m, Dal sentiero a pochi metri dall’Adige risalire la liscia placca fino ad uscirne a sx sulla cengia con cavo metallico che incide orizzontalmente tutta la parete.

L1 = V, 15m. Si parte verticale leggermente a dx e poi deciso traverso a dx fin sotto all’evidente diedro.

L2 = V+, 20m. Si sale l’evidente diedro con bella arrampicata fino a che si esce con esposto e delicato traverso verso dx di qualche metro che conduce alla comoda sosta.

L3 = V+,VI+, VI, 25m. Tiro chiave di stampo classico e bellissimo ma protetto lungo e di impossibile integrazione. Si risale il diedro fino a che questo non diviene un camino tubolare, passo a metà di strapiombo che richiede decisione, poi sopra più facilmente prima dritto ed a seguire a sx si guadagna la comoda ed esposta sosta.

L4 = VI, 15m. Su per la placca fessurata fino a che non è sbarrata da un tetto che si aggira dal basso in fessura ed esposto traverso verso sx, fino alla sosta.

L5 = V+, 15m. Si sale leggermente ed appena possibile si traversa decisamente a dx abbassandosi leggermente in grande esposizione e poi si rimonta una placca povera di appigli fino alla sosta. Tiro più esposto che difficile.

L6 = IV+, III 25m. Si sale e si traversa verso dx ignorando gli spit che vincono gli strapiombi (via Una Razza una Faccia), fino a giungere nel fondo di un diedro canale un pò sporco che risalendolo ci porta in sommità alla fine della via. Tiro poco protetto e con scaglie instabili.

Relazione:

Difficoltà: VI+ (VI obbl.)
Proteggibilità: R2, R3
Impegno: II
Sviluppo: 90 m
Tiri: 6
Attrezzatura: NDA,  12 rinvii + friend e nuts
Esposizione: E
Tipo di roccia: calcare
Periodo consigliato: primavera ed autunno
Tempo salita: circa 3h
Bellezza: ****
Apritori:
Riferimenti bibliografici: Arrampicare in Val d’Adige – Monte Cimo
Tra il lago e il fiume, 2007 | Coltri S., Vidali B.,
Monte Baldo Rock | Cristiano Pastorello, Eugenio Cipriani – Vers SUD 2014
Cartografia: Kompass, foglio 102, Lago di Garda – Monte Baldo, scala 1:50.000

Compagni:

Gabriele Bedogni


Schizzi vie:

 


Discesa:

  • Prendere il sentiero poco evidente che solca a mezza costa tutta la parte sommitale e con direzione S-N conduce in falso piano al sentiero principale. Si raccorda al sentiero delle Pale Mediane qui.
  • doppie consigliabili solo dalla sosta sotto l’ultimo tiro prima di arrivare al bosco sommitale

GPS:


Visualizza mappa ingrandita
 


Note:

  • Come tutte le vie “storiche” di Ceraino occorre prendere i gradi e spittature con le pinze. Avere chiaro e saldo l’obbligatorio e dare mezzo grado in sù alle valutazioni, se si passa qua poi altrove sarà più facile.

Bibliografia:


Ritieni utile la mia relazione ?

Donazione 1€ per lo sviluppo del sito.

Ti potrebbero anche interessare:

Ceraino 6 6 val d'Adige 44 44

Gallery:


Categorie
0-999m Ceraino relazioni rock climbing Teng val d'Adige via sportiva

Teng

Chiusa di Ceraino settore Teng, 150m

Val d’Adige (VR)

 

È l’ultimo settore uscito dal cappello magico di Emanuele Perolo, uno dei sognatori esploratori che hanno contribuito alla nascita e allo sviluppo di settori come Castel Presina, Tessari e lo stesso Cimo.
Durante la prima esplorazione, mentre si stava calando proprio sulla verticale dell’opera di presa del consorzio irriguo, Perolo urtò un sasso che colpì la ringhiera metallica della costruzione producendo un sonoro “teng”.
Il rumore allarmò non poco gli operai all’interno della centrale che, inviperiti, gli intimarono di non farsi più vedere.
Dopo quel primo approccio, non proprio amichevole, Perolo continuò a perlustrare la parete a nord della centrale scoprendo un “mare” di roccia molto bella, lavorata a fessure, canne, strapiombi e placche.
Il contesto ambientale è quello della Chiusa di Ceraino, ma siamo nel punto più stretto della gola, quello più suggestivo.
Le vie sono lunghe mediamente un centinaio di metri e sono state aperte tutte dall’alto su roccia molto bella e articolata.
Le difficoltà si aggirano sul 6b/c e la chiodatura è ottima a fix inox.
Occorre una serie di rinvii (15) e qualche cordino.

Da Monte Baldo Rock

Apritori:

Emanuele Perolo 2012


Accesso:

AFFI-> Rivoli Veronese-> si prende la strada della Rocca ed ad un bivio si tiene la SX (link).
Attenzione strada molto stretta e che funge pure da ciclabile, andare adagio!
Quando questa diviene a solo uso bici tramite una sbarra si parcheggia in piazzola limitrofa (link) oppure se non c’è posto al “Bosco degli elfi”.
Proseguire a piedi lungo la ciclabile in direzione est sino a dove questa piega decisamente in direzione sud in corrispondenza di una panchina. Prendere il sentiero a SX, giusto a lato della panchina in legno, scendere la valletta in direzione dell’Adige (dopo 50m a destra si incontra il sentiero che porta all’uscita delle vie) e percorrerla fino alla sommità del conoide detritico della vecchia cava.
Scendere anche il conoide fino al suo termine facendo attenzione ai detriti instabili.
A sinistra un tratto attrezzato dentro un caratteristico pozzo carsico permette di scendere e guadagnare la riva dell’Adige.
Seguendo il bordo della parete verso S si perviene alla maggior parte degli attacchi e tramite un cavo metallico in breve si giunge all’attacco delle via, quella più a sud quasi a ridosso della opera di presa.
Tot: 20/30 min dal P


Descrizione:

È la via che da il nome a tutto il settore.
Il primo tiro è caratterizzato da un singolo passaggio atletico, poi le difficoltà calano e diventano omogenee sino alla grossa cengia, per poi attraversare una zona erbosa dove ci si protegge su piante fino alla sommità.


Relazione:

Difficoltà:6a+ (6a obbl.)
Proteggibilità:S1
Impegno:I
Sviluppo:80 m
Tiri:4
Attrezzatura:NDA,  12 rinvii
Esposizione:E-NE
Tipo di roccia:calcare
Periodo consigliato:primavera ed autunno
Tempo salita:circa 2.5h
Bellezza:***
Apritori:Emanuele Perolo
Riferimenti bibliografici:Arrampicare in Val d’Adige – Monte Cimo
Tra il lago e il fiume, 2007 | Coltri S., Vidali B.,
Monte Baldo Rock | Cristiano Pastorello, Eugenio Cipriani – Vers SUD 2014
Cartografia:Kompass, foglio 102, Lago di Garda – Monte Baldo, scala 1:50.000

Compagni:

25 giugno 2016 Ivan de Iesu


Schizzo via:

  • L1= 15m, 6a+
  • L2= 25m, 6a
  • L3= 25m, 6a
  • L4= 15m, 5b

Discesa:

  • Usciti dalla via seguire una traccia sul bordo parete in direzione NW sino ad incontrare il sentiero d’attacco e poi la ciclabile.
    Tot: 10 min

Note:

  • Data la vicinanza alla Chiusa di Ceraino la roccia ne riprende la bellezza ma non la eguaglia
  • “Gradi moderni” allineati all’epoca di apertura delle vie. Qui un 6b appare più facilmente salibile che un 5c+ di Ceraino storica, provare per credere.
  • Data l’esposizione della parete e la parziale ombra anche in orari diurni si può effettuare la salita anche d’estate.

GPS:

Ritieni utile la relazione?

Dona per lo sviluppo del sito e permettermi di togliere la pubblicità.
Grazie.

1€5€10€


Ti potrebbero anche interessare:

Teng 1
    1 val d'Adige 44 44

    Gallery:

    Categorie
    0-999m Ceraino relazioni rock climbing val d'Adige via sportiva

    Dedicata a Narcisa

    Chiusa di Ceraino

    Val d’Adige (VR)

     


    Accesso:

    da SUD, uscita Affi tenere SP11 per Ferrara di Monte Baldo, entrati in Rivoli Veronese dopo la chiesa voltare a DX e per stretta strada e ponticello arrivare nei pressi della falesia pochi metri sopra l’Adige (maps link) 

    Costeggiando l’Adige verso S in 3 min si è alla base delle vie su uno scudo liscio sul sentiero. Per l’attacco classico occorre risalire la ferratina a sx e portarsi nella cengia con cavo metallico che incide orizzontalmente tutta la parete.


    Descrizione:

     

    Relazione:

    Difficoltà: 6a+ (6a+ obbl.)
    Proteggibilità: S1+
    Impegno: II
    Sviluppo: 110 m
    Tiri: 4
    Attrezzatura: NDA,  12 rinvii
    Esposizione: E
    Tipo di roccia: calcare
    Periodo consigliato: primavera ed autunno
    Tempo salita: circa 3h
    Bellezza: ****
    Apritori:
    Riferimenti bibliografici: Arrampicare in Val d’Adige – Monte Cimo
    Tra il lago e il fiume, 2007 | Coltri S., Vidali B.,
    Monte Baldo Rock | Cristiano Pastorello, Eugenio Cipriani – Vers SUD 2014
    Cartografia: Kompass, foglio 102, Lago di Garda – Monte Baldo, scala 1:50.000

    Compagni:

    13 aprile 2016 Dario Sacchetti

    29 aprile 2017 Ivan de Iesu (primo di cordata)


    Schizzi vie:

     


    Discesa:

    • Prendere il sentiero sommitale che solca a mezza costa tutta la parte sommitale e con direzione S-N conduce alle placce degli scivoli. Cavo metallico alla fine. 20 min.

    GPS:


    Visualizza mappa ingrandita


    Note:

    • Come tutte le vie “storiche” di Ceraino occorre prendere i gradi e spittature con le pinze. Avere chiaro e saldo l’obbligatorio e dare mezzo grado in sù alle valutazioni, se si passa qua poi altrove sarà più facile.

    Bibliografia:


    Ritieni utile la mia relazione ?

    Donazione 1€ per lo sviluppo del sito.


    Ti potrebbero anche interessare:

    Ceraino 6

    6

    val d'Adige 44

    44


    Gallery: