Alexander Burgener

“Stia tranquilla signora, di qua tiro su una vacca… ”)

Alexander Burgener rivolto alla titubante signora Mummery durante la salita del Taschhorn.

“Il troppo difficile non esiste”

Alexander Burgener (Saas-Fee10 gennaio 1845 – Mönch8 luglio 1910) è stato un alpinista e guida alpina svizzero.

Tra le guide più importanti alla fine del 19° secolo, è famoso per il gran numero di prime ascensioni compiute, tra le quali il Grand Dru e la cresta di Zmutt al Cervino.
Di fisico massiccio ed erculeo, sono ricordati i suoi modi da montanaro e la sicurezza che comunicava ai clienti.

La sua tremenda energia meravigliava i “signori” e il suo linguaggio assai franco scandalizzava gli educatissimi turisti di quel tempo.
Compagno prediletto di Albert Fredrick Mummery.


La grande guida Alexander Burgener, di Saas Fee (1845-1910) fu compagno di Albert F. Mummery in tutte le salite che l’inglese effettuò o tentò sul Cervino. Oltre alla conquista della cresta di Zmutt, ricordiamo la prima salita del tetro e ripido canalone nord del Colle del Leone (6 luglio 1880). ARCHIVIO IN ROSSO.

Nato in valle di Saas, iniziò a praticare l’alpinismo insieme al fratello maggiore Franz, già esperto, e al minore Alois.[2]

Fece da guida a grandi alpinisti inglesi. Con Clinton Thomas Dent compì, tra le altre, la prima ascensione del Lenzspitze e del Grand Dru. Con Albert Frederick Mummery realizzò importanti prime salite come quella della cresta di Zmutt al Cervino, del couloir ad Y alla Aiguille Verte, della cresta Teufelsgrat al Täschhorn e la prima ascensione dell’Aiguille du Grépon. Con l’austriaco Moriz von Kuffner aprì invece la via sulla cresta sud-est del Monte Maudit, da qui chiamata cresta Kuffner e divenuta poi una classica del Monte Bianco.

Perse la vita l’8 luglio 1910 travolto da una valanga mentre raggiungeva con una comitiva la capanna Bergli (Berglihütte), sulle pendici nord-est del Mönch. Perirono nell’incidente altre cinque guide e due clienti.[3]

Da lui presero il nome le placche (“placche Burgener”) lungo la via normale del Dente del Gigante, affrontate ma non superate durante il tentativo di prima ascensione del 1880 insieme a Mummery.[4]


Prime ascensioni

Mummery impegnato sull’omonima fessura all’Aiguille du Grépon, durante l’impegnativa prima ascensione con Burgener e Venetz.

Ha compiuto la prima ascensione delle seguenti montagne:
Ha compiuto la prima ascensione delle seguenti vie:
  • 1872
    Cresta sud-est dello Zinalrothorn – 5 settembre 1872 – con Clinton Thomas Dent, G.A. Passingham e le guide Franz Andermatten e Ferdinand Imseng.[10]
  • 1879
    Cresta di Zmutt, Cervino – 3 settembre 1879 – con Albert Frederick Mummery e le guide Augustin Gentinetta e Johann Petrus.[11]
  • 1880
    Versante nord del colle del Leone – 6 luglio 1880 – con Albert Frederick Mummery; partiti da Zermatt salirono il ripido e pericoloso canalone nord e scesero poi dal versante sud a Breuil-Cervinia, compiendo così anche la prima traversata del colle.[12]
  • 1881
    Couloir ad Y, di sinistra, Aiguille Verte – 30 luglio 1881 – con Albert Frederick Mummery, prima via sul versante della Charpoua.[13]
  • 1882
    Traversata del Pelvoux – 25 giugno 1882 – con Charles Passavant e Pierre Antoine Reymond attraverso il ghiacciaio des Violettes.[14]
  • 1887
    Cresta Kuffner, Monte Maudit, 2-4 luglio 1887 – con Moriz von Kuffner e un portatore.[15]
  • 1887
    Cresta Teufelsgrat, Täschhorn, 16 luglio 1887 – con Albert Frederick Mummery e la guida Franz Andermatten.
  • 1894
    27 marzo. Alexander Burgener fu sull’Hornli il con Alois Pollinger Charles Simon, e Joseph Pollinger. Si trattò della prima salita invernale.
  • 1896
    Il birraio viennese Moritz von Kuffner con la guida Alexander Burgener compiono la traversata Lenzjoch-Dürrenhorn (4034 m.).
  • Alexander Burgener si recò due volte nel Caucaso e una volta nelle Ande Argentine.
  • 1910
    8 luglio,  Mönch. Alexander Burgener morì a 64 anni travolto da una valanga sulle Alpi Bernesi.
fonte Wikipedia ed altri

Approfondimenti

https://alpinesketches.blog/

Print Friendly, PDF & Email